Lun. 06 Dic. 2021
HomeIn evidenzaSesto, centrodestra di nuovo nella bufera per vignette offensive nei confronti delle...

Sesto, centrodestra di nuovo nella bufera per vignette offensive nei confronti delle donne

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI [/textmarker]- Tornano sotto accusa la maggioranza di centrodestra e il sindaco di Sesto San Giovanni e il suo sindaco Di Stefano per frasi offensive e comportamenti poco istituzionali. A pochi giorni dalla polemica per le affermazioni su Facebook dell’assessore all’Ambiente Alessandra Magro, questa volta a finire sotto accusa è stata la componente del Comitato Pari Opportunità, nonché collaboratrice del sindaco, Marcella Del Vecchio che ieri ha condiviso alcune vignette (realizzate da sconosciuti e postate su Facebook da profili fasulli), che offendono l’ex sindaco Monica Chittò e l’ex assessore Roberta Perego.

Le vignette utilizzano una ironia di dubbio gusto e sicuramente sessista, insistendo sui temi di Bilancio che nei giorni scorsi erano stati cavallo di battaglia del sindaco Di Stefano.

Sconcerto è stato espresso dagli esponenti Pd: “Il fatto, già di per sè grave, lo diventa ancora di più quando a condividere questa vignetta è la
componente di maggioranza del Comitato Pari Opportunità Marcella Del Vecchio – scrivono dal Pd –  Il Comitato Pari Opportunità, organismo amministrativo che riferisce all’Assessora di Riferimento(in questo caso l’Assessora Magro) ha come compito quello di promuovere e favorire attività ed iniziative volte all’eliminazione della discriminazione di genere e di ogni forma di sessismo in ogni ambito della società. La pubblicazione della suddetta vignetta da parte della signora Del Vecchio è incompatibile con il Comitato di cui fa parte e del ruolo che in esso ricopre, pertanto chiediamo le sue immediate dimissioni”.
Una richiesta pensate, anche perché la stessa Del Vecchio risulterebbe anche collaboratrice del sindaco nella segreteria comunale.

Anche la lista civica Sesto nel Cuore ha espresso solidarietà l’ex sindaco e al suo assessore.

“Ho telefonato a Monica Chittò e Roberta Perego per esprimere la mia solidarietà e quella di Sesto nel Cuore per la brutta vicenda di un post/vignetta volgare e sessista condiviso sui social – ha detto Gianpaolo Caponi – Assistiamo sempre più all’impoverimento delle più elementari regole di convivenza, che si fondano sopratutto sul rispetto del prossimo. Prendere di mira le donne minando la loro dignità è inaccettabile”.

Foto di Archivio

ARTICOLI CORRELATI