Gio. 30 Mag. 2024
HomePoliticaSesto, quando il cittadino chiede l'assessore "si scartavetra gli attributi"

Sesto, quando il cittadino chiede l’assessore “si scartavetra gli attributi”

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] – Sta diventando anche un caso di buona o cattiva educazione da parte di un assessore, il mancato taglio dell’erba da parte del Comune di Sesto San Giovanni. Alle tante proteste dei cittadini che lamentano l’erba ormai alta più di mezzo metro in molti giardini pubblici e nelle aiuole cittadine, l’assessore all’Ambiente Alessandra Magro, nei giorni scorsi ha risposto con le prime immagini degli operai al lavoro. Una risposta scocciata la sua, che non tiene minimamente conto dei disagi e delle proteste dei cittadini, insoddisfatti del servizio tardivo. Inoltre, da settimane si sono visti sul territorio di Sesto San Giovanni i volontari della protezione civile a compiere lavori di manutenzione del verde che spetterebbero alle imprese comunali, perché Sesto non è una città terremotata.

La risposta dell’assessore è stata pesante e stizzita. ha annunciato l’avvio dei lavori da parte di una impresa “incaricata nell’ottobre 2017” e non dalla protezione civile.

Ma subito sotto ha scritto seccata: “Detto ciò, posso dire che mi sono ampiamente scartavetrata gli attributi nel spiegare continuamente un concetto basilare che tanti fanno finta di non comprendere…”.

Una diversa spiegazione a quanto sta accadendo con l’erba a Sesto, l’ha data l’ex consigliere comunale Vito Rominiello che martedì ha pubblicato una determina del Comune nella quale si spiega che l’impresa incaricata in passato si è ritirata dall’appalto e che il 7 maggio scorso è stata incaricata una nuova impresa con un affidamento diretto. Insomma, una procedura d’urgenza che celerebbe una cattiva gestione del servizio. Probabilmente l’assessore dovrebbe rispettare di più i cittadini.

Foto tratta da facebook

ARTICOLI CORRELATI