Ven. 07 Ott. 2022
HomeCinisello BalsamoDue rapine e un ferito a Cinisello, presi gli autori della notte...

Due rapine e un ferito a Cinisello, presi gli autori della notte di violenze

[textmarker color=”E63631″]NORDMILANO[/textmarker] – Sono stati fermati nella tarda mattinata di ieri i due marocchini irregolari di 28 e 30 anni che nella notte di giovedì hanno dato vita a una notte di violenze inaudite seminando morti e feriti tra Cinisello e Milano.

I carabinieri li hanno intercettati a Milano mentre facevano colazione e li hanno arrestati con l’accusa di rapina e omicidio: 4gli episodi che gli vengono contestati, un morto e tre feriti, uno dei quali ancora ricoverato in prognosi riservata. I nomi dei due sospettati non sono stati comunicati dagli investigatori, sarebbe inutile visto il numero di alias che hanno fornito da quando sono arrivati in Italia. Entrambi hanno raggiunto le coste con barconi provenienti dalla Libia, il più giovane è stato fotosegnalato a Reggio Calabria nel giugno 2017, il 30enne al centro di Augusta nel dicembre dello stesso anno. Il 28enne, inoltre, il 21 aprile scorso era stato arrestato dalla polizia per furto aggravato.

In quelle tre ore e mezzo, secondo i carabinieri, hanno ucciso un 22enne del Bangladesh, centrato al petto con un unico colpo inferto probabilmente con un cacciavite a giudicare dal diametro della ferita. Mala loro notte di violenza era iniziata alle 23.05 in via Stalingrado, a Cinisello, alla fermata del bus 729 di via Stalingrad (Crocetta) dove hanno puntato un peruviano di 36 anni. Per portargli via i due cellulari lo hanno prima ferito al volto con una bottiglia di plastica tagliata a metà e poi lo hanno picchiato. Alle 23.30, nella vicina via Lincoln hanno incrociato un italiano di 31 anni a cui hanno sferrato due colpi all’addome per rapinarlo del portafogli. L’uomo è riuscito a chiamare i soccorsi prima di svenire. È all’ospedale Niguarda in prognosi riservata ma i medici sono ottimisti. Da Cinisello hanno preso un autobus diretto a Milano, lungo il percorso sono salite una ragazza americana di circa 30 anni e una 21enne inglese che studia all’università Cattolica, entrambe scese in zona Stazione Centrale. I due marocchini le hanno pedinate fin sotto casa in via Gaffurio, uno di loro ha afferrato l’inglese per i capelli e le ha sferrato un colpo al fianco destro (probabilmente con la stessa arma). Sono scappati con un cellulare, la 21enne è stata trasportata d’urgenza al Niguarda ma la gravità è stata ridimensionata fino a stabilire una prognosi di pochi giorni. La 21enne si è trasferita a Milano nel settembre scorso.

I marocchini si sono fermati alle 2.30 in via Settembrini, dove hanno aggredito un cameriere 22enne per portargli via il cellulare. È stato proprio il segnale inviato dal suo telefono a consentire ai militari di rintracciare la cella in cui si stavano muovendo. Hanno dormito attorno alla stazione e alle 10 gli investigatori li hanno sorpresi mentre facevano colazione al McDonald’s in piazza Duca d’Aosta. Sono apparsi lucidi, solo un pò assonnati, non hanno opposto resistenza. In tasca avevano i cellulari di tutte le vittime e il portafogli dell’italiano.

ARTICOLI CORRELATI