Dom. 14 Apr. 2024
HomePoliticaSesto, i candidati alle elezioni politiche si sfidano sulla Città della Salute

Sesto, i candidati alle elezioni politiche si sfidano sulla Città della Salute

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] – La Città della Salute e della Ricerca di Sesto San Giovanni, il più grande progetto urbanistico di tutto ilVecchio Continente, finisce per diventare argomento politico con cui i candidati alle elezioni politiche si danno battaglia sul territorio.

“Un progetto per il futuro della nostra metropoli che, insieme allo Human Technopole, disegna la sua vocazione futura. Noi pensiamo al domani e a costruire opportunità, a fare della Grande Milano un punto di riferimento mondiale per la ricerca, la salute, le tecnologie per vivere meglio, l’alimentazione per vivere di più. Questa è la buona politica, quella che pensa al futuro, alle prossime generazioni, a ciò che si lascia e non a ciò che si può prendere nel contingente. È quella della Città della Salute è stata fino ad ora una storia esemplare per come si sono fatte le bonifiche, per l’applicazione dei protocolli di legalità pensati per Expo e la capacità di coinvolgere capitali privati per finanziare una grande opera di interesse pubblico”, ha affermato Franco Mirabelli, candidato capolista Pd al Senato nel Collegio Lombardia 5, a margine di un incontro a Sesto San Giovanni.

“La Città della Salute a Sesto, sulle aree delle ex acciaierie della ex Stalingrado d’Italia, è un grande progetto di rilievo nazionale che può consentire al territorio del Nordmilano una forte e bella opportunità per completare la trasformazione economico sociale verso soluzioni avanzate per il benessere dei cittadini, con la ripresa degli investimenti nella ricerca scientifica e nell’innovazione urbanistica. L’intera sanità lombarda ne trarrebbe ulteriore miglioramento. Occorre impegnare attenzione, sensibilità e competenze anche a livello nazionale per la dimensione europea del progetto, anche perché l’erogazione dei servizi sanitari, cui dedichiamo grandi risorse pubbliche, richiede oggi un metodo organico di verifica delle prestazioni con controlli standard e premiazione dei comportamenti virtuosi. L’ulteriore miglioramento della sanità è un impegno da assumere insieme, dal parlamento e dal governo nazionale alla Regione Lombardia che è un modello di riferimento”, ha detto invece Guido Della Frera, candidato di Forza Italia alla Camera dei Deputati nel collegio uninominale di Sesto/Milano, intervenendo al convegno “Sanità Lombarda quale futuro?” organizzato da Multi Medica a Sesto.

ARTICOLI CORRELATI