Sab. 22 Gen. 2022
HomeEconomiaIl Croissant d'Or sbarca in Svizzera: i panettoni di Sesto (e di...

Il Croissant d’Or sbarca in Svizzera: i panettoni di Sesto (e di Expo) nella via della moda di Zurigo

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] – Un’eccellenza italiana trova casa nella via della moda e dell’eleganza di Zurigo, moderna metropoli svizzera scelta da Croissant d’Or per aprire il suo primo temporary shop in puro stile natalizio: la celebre pasticceria di Sesto San Giovanni valica i confini italici e si insedia per la prima volta oltralpe, per mettere a disposizione del pubblico svizzero (ma anche internazionale dato che Zurigo è città cosmopolita) tutte le sue specialità.

A cominciare, ovviamente, dal panettone. Il dolce del Natale per eccellenza, quello con cui la famiglia Manico ha conquistato migliaia di palati in tutta Italia. “Prepariamo con cura e dedizione l’impasto del panettone tradizionale milanese, unico per fragranza e sapore, soffice e delicato con tutto il gusto e la leggerezza della lievitazione naturale”, raccontano Francesco Manico, i figli Matteo e Federico, e la moglie Gabriella. Che nel 2015 hanno ricevuto il riconoscimento da Regione Lombardia che, in occasione di Expo 2015, ha votato il panettone del Croissant-D’Or come una delle eccellenze della tradizione enogastronomica nostrana.

Una eccellenza tra le eccellenze. Per aprire il suo primo negozio all’estero, Croissant-D’Or ha scelto la Bahnhofstrasse, una delle vie del centro di Zurigo, l’arteria commerciale più nota della città dove si possono trovare i più importanti brand della moda e del lusso. Una sorta di via Montenapoleone di Milano. “Vendevamo a Zurigo da 6 anni, quest’anno abbiamo deciso di intraprendere questa sfida e di aprire un negozio per affezionare la clientela”, spiegano dalla famiglia Manico.

Panettone ma non solo. Nel cuore di Zurigo la famiglia Manico si presenta con il meglio della sua produzione: panettoni classici e farciti, torroni, biscotti, dolci e torte. Francesco, la moglie e i figli, con il loro panettone, e in generale i loro gustosi dolci, hanno preso per la gola i giocatori del Milan (da anni infatti la pasticceria rifornisce Milanello e i suoi campioni), compreso l’ormai ex presidente Berlusconi, un fan sfegatato delle torte di Sesto San Giovanni.

ARTICOLI CORRELATI