Dom. 27 Nov. 2022
HomeAttualitàBike sharing free floating: Cinisello e Bresso dicono di sì

Bike sharing free floating: Cinisello e Bresso dicono di sì

[textmarker color=”E63631″]NORDMILANO[/textmarker] – Oggi è l’ultimo giorno disponibile per i Comuni dell’hinterland per fare richiesta di estensione, sui loro territori, del servizio di bike sharing free floating che è entrato in funzione a Milano a fine estate. “C’è tempo fino a oggi per i Comuni per inviare a Città Metropolitana le manifestazioni d’interesse”, dice Siria Trezzi, sindaco di Cinisello e consigliere con delega alla Mobilità di Città Metropolitana.

Tra i Comuni che hanno dimostrato il loro interesse c’è Cinisello Balsamo e anche Bresso. “Vogliamo diffondere questo nuovo modo di vivere il territorio usando la bicicletta a noleggio. Negli ultimi anni abbiamo costruito nuove piste ciclabili che permettono di raggiungere il Parco Nord, che ci circonda da tutti i lati”, ha detto alla stampa il primo cittadino, Ugo Vecchiarelli, che ha dichiarato la volontà di aprire una ciclofficina.

Le biciclette a flusso libero di Mobike e Ofo già circolano nel Nordmilano anche se l’accordo degli operatori cinesi è stato firmato solo con Palazzo Marino. “Così è stato chiesto alle amministrazioni comunali di inviare una manifestazione di interesse. Oggi scade il termine per la candidatura. Da domani dovremo sederci al tavolo per capire nel concreto come attuare questa nuova fase”, conferma la Trezzi.

Le ipotesi sono molteplici: il mantenimento del numero attuale di mezzi in circolazione, a Milano come nell’hinterland, con una “moratoria” sui confini entro i quali potersi mettere in sella; oppure il lancio di un nuovo bando che offra agli operatori già attivi sul territorio (Ofo e Mobike) di ampliare il proprio “parco bici” oppure l’inserimento di nuovi soggetti interessati al business della mobilità dolce e condivisa. Una terza via, quella che si era paventata un paio di settimane fa, è quella del mantenimento del numero attuale di mezzi in circolazione, a Milano come nell’hinterland, con una “moratoria” sui confini entro i quali potersi mettere in sella.

ARTICOLI CORRELATI