Dom. 23 Gen. 2022
HomeIn evidenzaSesto, Chittò lancia guanto di sfida a Di Stefano, ma ignora liste...

Sesto, Chittò lancia guanto di sfida a Di Stefano, ma ignora liste civiche e movimenti

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] – La campagna elettorale in vista del voto dell’11 giugno, quella ufficiale, non è ancora cominciata, visto che le liste saranno consegnate solamente sabato 13 maggio. Ma il sindaco Monica Chittò, candidata per un secondo mandato con il centrosinistra, cerca subito di spostare il livello del confronto con una mossa a sorpresa che ha compiuto martedì mattina nel corso di una conferenza stampa nella quale è stato tracciato un primo bilancio dei suoi incontri pubblici. Chittò lancia il guanto di sfida a Di Stefano (candidato del centrodestra), con la richiesta di confronto diretto sulle due visioni opposte di soluzioni per il futuro di Sesto San Giovanni.

“Il primo confronto che si propone è che si svolga entro il 10 maggio sul tema dei problemi e delle opportunità della città prima di completare la stesura del programma elettorale che si consegnerà entro l’11 maggio con le liste e le candidature – scrive il sindaco Chittò -. Il secondo confronto lo si propone nella prima settimana di giugno per approfondire le diverse proposte nei programmi”.

Chittò detta dunque tempi e modi del confronto con uno sgarbo al suo avversario che può solo decidere di accettare o rifiutare. In più, ignora liste civiche e movimenti che, a giudicare dalle indicazioni di voto circolate nelle passate settimane dallo stesso Pd, rappresenterebbero comunque una vasta maggioranza di elettori. Dimenticanza o sgarbo voluto? Chi la politica la fa da anni, sostiene che si tratti di una strategia accurata che punta a concertare lo scontro tra i due grandi poli partitici, tralasciando gli altri avversari che, se giungessero al ballottaggio sarebbero un avversario ben più ostico.

ARTICOLI CORRELATI