Mar. 23 Lug. 2024
HomeBressoL'aeroporto di Bresso diventa scalo Aerotaxi per Expo ed è polemica

L’aeroporto di Bresso diventa scalo Aerotaxi per Expo ed è polemica

[textmarker color=”E63631″]BRESSO[/textmarker] – Alla fine è accaduto davvero. L’aeroproto di Bresso diventa una stazione di “aereotaxi” in occasione dell’Expo.  A quanto si legge in alcuni articoli comparsi sulla stampa, “sabato scorso è atterrato il primo volo commerciale nel piccolo scalo di Bresso, Aeroclub storico posto nel parco Nord di Milano”.

 

Secondo l’Associazione Legambinete “un Beechcraft King Air turboelica di fabbricazione americana, lungo 17 metri è sbarcato nel piccolo scalo con a bordo 9 passeggeri e li ha riportati in Germania nel pomeriggio di domenica”. secondo quanto afferma Legambiente in una nota “l’Enac ha autorizzato infatti l’effettuazione di servizi di aerotaxi senza limitazione al numero di posti negli aeroporti di Aviazione generale, ovvero non certificati, cioè privi di tutta una serie di dotazioni di sicurezza”.

Fatto più grave a Bresso che a quanto pare oggi sarebbe sprovvisto pure delle dotazioni di sicurezza per far operare questi aerei ed ospitare il traffico passeggeri.

“Chiaro – si legge ancora sulla nota – che lo scalo può far gola a qualche operatore economico privo di scrupoli vista l’imminenza dell’Expo, ma va ricordato che ci sono due scali semivuoti e attrezzati di tutto punto a Linate (Ata) e Malpensa, che sono gli unici idonei per questa attività”». Il problema, secondo Legambiente è che atterrare a Linate o a Malpensa costa 6.000 euro e a Bresso è gratis.

La partita sembra solo all’inizio, ma tutt’altro che chiusa. Anche perché per mesi si è lottato per impedire che Bresso diventasse stazione per l’atterraggio di elicotteri commerciali, ora si passa agli aerei.

ARTICOLI CORRELATI