Dom. 05 Feb. 2023
HomeNEWSLETTEREmergenza Casa: Sesto nel Cuore scrive a Renzi per chiedere il coordinamento...

Emergenza Casa: Sesto nel Cuore scrive a Renzi per chiedere il coordinamento tra tribunali e comuni

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] – Un documento della Prefettura che avrebbe potuto evitare lo sfratto è arrivato un’ora dopo che era stato eseguito. Molti ricorderanno il caso della scorsa settimana di un uomo egiziano, ma residente a Sesto, che ha cercato di gettarsi dal balcone del municipio per disperazione, dopo essere stato sfratto insieme a moglie e figlia. Una beffa della burocrazia, l’ennesima, che è costata la casa a questa famiglia.

Anche per questo, qualche giorno fa, i consiglieri comunali della lista civica Sesto nel Cuore hanno deciso di scrivere al Premier Matteo Renzi e al ministro alle Infrastrutture Maurizio Lupi per chiedere di approvare una semplice norma che limiterebbe questi casi.

“Renzi vuole un’Italia semplice e moderna? Allora approvi una semplice norma che consentirebbe ai comuni di conoscere con largo anticipo i casi di sfratto e di provare a porvi rimedio con progetti di assistenza – spiegano Angela Tittaferrante, Gianpaolo Caponi e Marco Lanzoni – Basterebbe che il Governo rendesse obbligatoria la comunicazione dell’avvio delle procedure di sfratto da parte della Cancelleria dei Tribunali ai diversi comuni interessati. In questo modo gli uffici comunali competenti avrebbero la situazione sotto controllo con diversi mesi di anticipo e potrebbero avviare pratiche di assistenza”.

I consiglieri di Sesto nel Cuore chiedono al sindaco Monica Chittò e alla giunta di sostenere questa battaglia che servirebbe prima di tutto al Comune per essere più efficace, e conseguentemente ai cittadini.

“A Sesto San Giovanni manca ed è mancata da anni una politica costruttiva ed efficace sul tema della casa – concludono i Consiglieri della lista civica Sesto nel Cuore Gianpaolo Caponi, Angela Tittaferrante e Marco Lanzoni – ma ora non è il momento delle polemiche! Ci aspettiamo che l’argomento venga trattato molto presto in Commissione e in Consiglio Comunale; perciò attendiamo l’adesione alla nostra proposta da parte del Sindaco e della Giunta e ci auguriamo una rapida risposta da parte dei destinatari della nostra comunicazione.”

La nostra Amministrazione Comunale, come sempre, ha precisato di non poter controllare la situazione degli sfratti in quanto i casi limite vengono comunicati solo all’ultimo momento.

ARTICOLI CORRELATI