Dom. 07 Ago. 2022
HomeAttualitàGasparini: "La copertura della A4 in Crocetta inizierà a ottobre"

Gasparini: “La copertura della A4 in Crocetta inizierà a ottobre”

[textmarker color=”E63631″]CINISELLO BALSAMO[/textmarker] – Inizieranno dopo la fine di Expo 2015, quindi presumibilmente con il mese di novembre, i lavori per la realizzazione della copertura del tratto autostradale della A4 che passa da Cinisello Balsamo e nello specifico dal rione Crocetta.

gasparini

Lo ha annunciato con una nota ufficiale l’ex sindaco Daniela Gasparini, oggi deputata alla Camera. La quale ha incontrato Mauro Coletta, dirigente nel ministero Infrastrutture Trasporti, per discutere proprio dell’attuazione del progetto. “Sono più di due anni che il Comune di Cinisello Balsamo ha ottenuto questa importante opera di mitigazione che migliorerà la vita dei cittadini che abitano nelle vie Romagna e Friuli e, più complessivamente, alla Crocetta e la preoccupazione per il ritardo nell’esecuzione delle opere e il rischio di un cambio di indirizzo mi ha portato a verificare presso la Direzione Generale del Ministero il rispetto di quanto pattuito”, ha detto la Gasparini.

Dall’incontro non è emersa solo la conferma che l’opera verrà eseguita a partire da un mese dopo la chiusura di Expo: “Si è convenuto che nel mese di maggio o giugno il direttore Mauro Coletta presenterà ai cittadini il progetto e inizierà la fase di informazione dei cittadini. Inoltre la richiesta fatta al Ministero è stata comunque quella di accelerare il piano di espropri perché ci sono situazioni di degrado determinate dall’avvio degli espropri non conclusi, in particolare faccio riferimento al capannone abbandonato proprio di fronte alla Scuola Secondaria di I grado Balilla Paganelli”, aggiunge l’onorevole Gasparini.

Nell’incontro l’ex primo cittadino di Cinisello avrebbe posto ancora una volta anche il problema della riqualificazione del viale Fulvio Testi, con la rimozione del semaforo della Metro. In questo caso, chiude la Gasparini, la risposta è stata “burocratica”: “Non essendo strada statale il Ministero non può fare niente, occorre che Regione e Città Metropolitana inseriscano il progetto nei loro piani di investimento”.

ARTICOLI CORRELATI