Dom. 24 Set. 2023
HomeAttualitàContro la criminalità, nasce "Cuxanum Securitas"

Contro la criminalità, nasce “Cuxanum Securitas”

[textmarker color=”E63631″]CUSANO MILANINO[/textmarker] – “Il nostro obiettivo è quello di non lasciare i cittadini soli davanti alle difficoltà, perché questo li rende vulnerabili e più esposti alle maglie della delinquenza”. Sono alcune delle parole presenti nella premessa del nuovo progetto che sta nascendo spontaneamente nella “città giardino”: “Cuxanum Securitas”.

Si tratta di un progetto di “sicurezza partecipata”, che vuole rispondere non solo ai grandi fatti di cronaca che si sono verificati in questi mesi in città, come la sparatoria contro i carabinieri in via Sormani o il più recente omicidio del clochard in via Ferrari. Furti, scippi e truffe sono quasi all’ordine del giorno, e le pagine facebook ne danno conto continuamente.

Così l’associazione “Nonno Lino”, fondata in ricordo del cavaliere Pasquale Del Giudice, sta organizzando la sua proposta con una piattaforma proprio su facebook che sta raccogliendo sempre più iscritti (al momento 108). “Tutte le iniziative contenute nel nostro programma – scrive l’ideatore Massimiliano Piccolini – sono tese a creare un humus in cui la criminalità non trovi terreno fertile per attecchire, ma siamo coscienti che oggi il controllo del territorio passa anche e soprattutto dal presidio delle forze di polizia a cui il Comune è di supporto”.

videosorveglianzaIl Comune tuttavia sembra aver accolto con freddezza questa iniziativa che sta nascendo sul territorio. Inoltre, il sindaco Gaiani nei giorni scorsi, rispondendo a quanti chiedevano di portare avanti l’installazione delle telecamere secondo un progetto proposto dalla Lega Nord, ha detto di preferire alla videosorveglianza il presidio della Polizia Locale.

Ma secondo gli organizzatori “Cuxanum Securitas” il lavoro che si può fare per migliorare la sicurezza e la sua percezione è tanto. “La sicurezza urbana – si legge sempre sul manifesto – è un bene pubblico da ricercare con il contributo di tutti gli attori sociali. La città sicura non è la città blindata e dei muri, è la città vissuta. Nella società moderna, infatti, la sicurezza non è solo ordine pubblico ma quartieri più illuminati, riduzione del disagio sociale, organizzazione di servizi sociali nelle aree urbane, gestione della socialità, accurata e pronta manutenzione, risposta alle segnalazioni dei cittadini, rispetto delle regole di uso degli spazi pubblici”.

Lavorare su tutti questi fronti è un obiettivo ambizioso. Ma che sta raccogliendo consensi e partecipazione: “Volevo ringraziare ancora Massimiliano Piccolini per l’impegno messo a scrivere un progetto così complesso – scrive una cittadina su facebook – devo dire che ha risvegliato in me la voglia di riprendere possesso del paese in cui vivo…mi piacerebbe tornare ad avere un paese dove una donna può andare a correre al parco senza paura di essere aggredita o i bambini possano tornare a giocarci senza paura che qualcuno gli faccia del male o peggio: insomma voglio che Cusano torni ad essere un paese vivibile e sono pronta a fare qualcosa in prima persona senza aspettare che siano gli altri ad agire”.

clicca qui per scaricare il progetto completo di Cuxanum Securitas

cuxanum_securitas

ARTICOLI CORRELATI