Sab. 02 Mar. 2024
HomeNEWSLETTERRegione, tagli per 930 milioni. Maroni: “Abolire il Patto di Stabilità”

Regione, tagli per 930 milioni. Maroni: “Abolire il Patto di Stabilità”

[textmarker color=”E63631″]LOMBARDIA[/textmarker] – “Se la manovra venisse approvata, taglierebbe alla Lombardia 930 milioni di euro”. E’ questo l’allarme lanciato dal Governatore della Regione Roberto Maroni, a seguito dell’ultima seduta di Giunta, nella quale è stata analizzata la Legge di Stabilità allo studio del Governo che prevede importanti riduzioni dei trasferimenti dello Stato alle Regioni. “Il Presidente del Consiglio ha fatto una manovra da 4 miliardi di tagli – prosegue Maroni -, addebitando alle Regioni sprechi che, in Lombardia non esistono. La Lombardia è una regione virtuosa ma se la manovra dovesse essere approvata, non potremmo fare più delle molte cose che facciamo”.

Il grosso delle preoccupazioni del presidente riguardano il Patto della Salute, sottoscritto la scorsa estate e che in Lombardia si traduce con il rifacimento di molte strutture sanitarie, il tentativo di riduzione/abolizione del ticket sanitario e iniziative quali “Ambulatori aperti” che tanto ha gradito un riscontro da parte della cittadinanza e che, se cancellato, comporterebbe un inevitabile perdita di consensi. “Mi associo alle forti critiche alla manovra arrivate dal presidente del Piemonte Chiamparino e da altri esponenti del Partito Democratico – ruggisce Maroni -; dal 2009 al 2013 le regioni hanno ridotto la spesa del 38% mentre, lo Stato lo ha fatto solo del 13%”.

C’è solo una vera soluzione per Maroni. “La Lombardia produce il 25% del Pil nazionale ma abbiamo un residuo fiscale di 54 miliardi l’anno che ci penalizza più di chiunque altro non pretendiamo di tenerci tutto, ma chiediamo al Governo di consentire alla Regione e ai sindaci virtuosi di poter utilizzare le risorse risparmiate, abolendo il Patto di stabilità”.

ARTICOLI CORRELATI