Ven. 03 Dic. 2021
HomeSesto San Giovanni"Forza Francesco, non mollare", la città si stringe attorno al benzinaio

“Forza Francesco, non mollare”, la città si stringe attorno al benzinaio

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] – Continuano le ore di attesa e angoscia per le sorti di Francesco Saponara, il benzinaio 55enne ferito gravemente da Davide Frigatti martedì pomeriggio, in preda alla follia omicida. Il rione Restellone, incredulo e scioccato, si stringe intorno alla speranza che lo storico titolare dell’area di servizio di viale Gramsci, per cui tutti hanno una buona parola di affetto e un bel ricordo, possa rimettersi presto. Dopo l’intervento chirurgico cui era stato sottoposto la sera di martedì, per tutta la giornata di ieri la prognosi è stata riservata. Forse oggi si avrà qualche notizia in più sulle sue condizioni.

Ieri intanto il distributore Shell è rimasto chiuso. I parenti hanno passato la giornata all’ospedale San Gerardo, dove Francesco è ricoverato. Intanto su facebook molti che lo conoscevano e frequentavano l’area di servizio per fare rifornimento o per lavare la macchina, ma anche tanti semplici concittadini, hanno voluto esprimere il loro supporto: “Forza Francesco, non mollare”, “Coraggio”, “Daje” o ancora “Preghiamo per te”.

“Speriamo bene – scrive Elisabetta che abita lì al Restellone – vogliamo vederti ancora passare in via Boccaccio mentre vai a casa per il pranzo”. “Tutti noi che ti conosciamo da tanto tempo ti siamo vicini a te e alla tua famiglia – aggiunge Giovanni – …forza Francesco!!!!!!!”, mentre Roberto: “Spesso e volentieri al tuo autolavaggio a lavare la macchina perché sei un uomo molto disponibile e cordiale…non mollare… Forza Francesco”. “Forza Franco ti conosco da circa 30 anni – dice Stefania – sempre gentile ed educato. Quando venivo a fare benzina con papà o per mio zio col furgone che bei ricordi. Lotta e non mollare”.

“Ehi Francesco – scrive infine Paolo – non fare scherzi che devo venire a cambiare olio e filtro. E me li devi cambiare tu. Come al solito. Forza che io ti aspetto”

ARTICOLI CORRELATI