Lun. 05 Dic. 2022
HomeAttualitàL'azienda farmacie pronta a diventare una Srl

L’azienda farmacie pronta a diventare una Srl

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] – Le farmacie di Sesto diventano una Srl. Stasera e domani saranno discusse in commissione consiliare le delibere che segnano la trasformazione definitiva dell’Azienda Speciale Farmacie Comunali in Società a Responsabilità Limitata (Srl) e venerdì 20 giugno il provvedimento approderà in consiglio comunale per essere sottoposto al voto.

Si porta a compimento così l’idea del sindaco e dell’amministrazione sestese, che dopo un buco di 5milioni di euro hanno visto nella nuova società di capitali una struttura più flessibile, in grado di aprirsi alla partecipazione di nuove organizzazioni nel campo dei servizi sociali e della sanità, per rafforzare la capacità imprenditoriale.

Il Comune di Sesto manterrà  comunque il 50,1% dei capitali. E i lavoratori rimarranno invariati: in tutto 38, di cui 4 per il magazzino ceduto in affitto. Il nuovo accordo prevede due ore alla settimana in più per ogni dipendente e una rinuncia ai premi fino al 2017.

L’azienda avrà un amministratore unico (attualmente è Giovanni Bianchi, gratis e in via provvisoria), che sarà sempre nominato dal sindaco, e un direttore generale nominato dall’Assemblea dei soci. Entrambi avranno un compenso oscillante tra i 60 e gli 80mila euro all’anno. Ci sarà anche un Collegio di vigilanza, formato da 7 persone della maggioranza e dell’opposizione, con il doppio compito di raccordare  l’azienda al consiglio comunale e sorvegliare l’andamento della Società.

_DSC9856
Il direttore Michele Colasanto, l’amministratore unico Giovanni Bianchi, il sindaco Monica Chittò e il commissario straordinario Luca Finazzi alla conferenza stampa

“Questo non è un punto di arrivo, ma un punto di partenza” ha detto il sindaco Monica Chittò: “Non sarà solo un risanamento, ma un rilancio delle farmacie”. Il piano industriale prevede per il 2014 ancora un anno di sofferenza, per poi tornare all’utile nel 2015. L’affitto del magazzino porterà nelle casse dell’azienda 67mila euro all’anno.

Per quanto riguarda i punti vendita, questi rimarranno 10, senza stravolgimenti negli orari di servizio. La novità più importante riguarda il servizio notturno: non sarà più soltanto la farmacia Marelli a rimanere aperta di notte, ma saranno tutte le farmacie sestesi (le 10 comunali e le 14 private) a rimanere aperte a turno. Le modalità di turnazione saranno pubblicizzate a breve. I provvedimenti entreranno in vigore dal primo di luglio. La farmacia Marelli rimarrà comunque sempre aperta fino a mezzanotte.

Insieme alla delibera di trasformazione dell’Azienda Speciale in Srl, sarà discussa anche una seconda delibera. Si tratta del conferimento all’azienda di beni immobili di proprietà comunale (le 9 farmacie di proprietà, una in affitto e il magazzino). Il valore totale è di 2 milioni di euro. Questo patrimonio si aggiunge al capitale sociale di 100mila euro, messo a disposizione dal bilancio 2012.

Le due delibere saranno votate in consiglio venerdì 20 giugno. Il voto compatto della maggioranza non è scontato. Sel e Federazione della Sinistra si erano più volte dichiarate contrarie alla trasformazione, ma il sindaco è fiducioso: “Confido nella saggezza di tutti – ha detto Monica Chittò – chi voglia assumersi questa responsabilità nel votare a favore, sarà un valore aggiunto per la città, nell’ottica del rilancio dell’azienda”.

“Noi sicuramente voteremo contro – annuncia deciso il consigliere comunale di Sel Moreno Nossa – non siamo d’accordo nel regalare all’Azienda altri 2milioni di euro di patrimonio dei cittadini”.

ARTICOLI CORRELATI