Mer. 17 Apr. 2024
HomeAttualità"Città Facile": l'app comunale è pronta per Android

“Città Facile”: l’app comunale è pronta per Android

[textmarker color=”E63631″]CINISELLO BALSAMO[/textmarker] – Hanno ricevuto dall’assessore alle Politiche educative, Letizia Villa, i “diplomi” del corso comunale. Ma dovrebbero anche ricevere un bell’applauso da tutti i cittadini di Cinisello che utilizzeranno la loro applicazione. Sono gli 8 studenti del Cartesio e del Montale che ieri hanno presentato l’implementazione dell’app “Città Facile” per i dispositivi Android.

L’applicazione dell’amministrazione comunale cinisellese era stata creata circa un anno fa a Fabio Scandola e Antonio Pantò, due tecnici informatici del Comune che hanno sviluppato “in house” la app per dispositivi Apple. Gli stessi Pantò e Scandola si sono poi trasformati in docenti e hanno dato vita a un corso: un laboratorio per giovani studenti per sviluppare anche la versione Android dell’applicazione.

cinisello_studenti_app_android2

Gli 8 studenti (Matteo Casmiro, Elio Guadagnini, Claudio Maniaci, Alessandro Messina, Davide Nappo, Fabio Nava, Rami Ouni e Costantino Petta) hanno lavorato sodo per 6 mesi (circa 60 ore di laboratorio). E sono arrivati allo sviluppo di uno dei moduli dell’app. “Questo primo modulo che consente di gestire i canali social del Comune sarà disponibile sul Paly Store a settembre. Entro la fine dell’anno invece sarà pronta per Android tutta l’applicazione”, assicurano i due tecnici.

Che aggiungono: “Hanno lavorato duramente e si sono rivelati molto preparati. Abbiamo fatto un percorso affrontando tutte le fasi di realizzazione di una applicazione per smartphone e tablet”. Gli 8 studenti (7 dei quali sono alle prese con la prova di maturità) hanno ora una nuova “skill” da aggiungere al proprio curriculum e da giocarsi per entrare nel mercato del lavoro.

“Un esperimento valido da riproporre – il commento dell’assessore Villa -. Stiamo pensando a un nuovo laboratorio per il prossimo anno: questa volta vogliamo coinvolgere i professori e proporre loro corsi di aggiornamento”.

 

ARTICOLI CORRELATI