Dom. 23 Gen. 2022
HomeCinisello BalsamoGli studenti del Casiraghi ricordano le vittime della mafia

Gli studenti del Casiraghi ricordano le vittime della mafia

[textmarker color=”E63631″]CINISELLO BALSAMO[/textmarker] – “E’ il peggiore fra i morbi neri che colpiscono la nostra società. E’ un virus che si è diffuso all’interno delle nostre comunità, penetrando i meandri di ogni città e raggiungendo tutte le attività che ne regolano la vita quotidiani. E’ la peggiore delle malattie”.

Questo l’inizio del discorso tenuto sabato mattina da Mirko Cassago, studente della 3a F che ha tenuto la tradizionale “lezione” durante la cerimonia in ricordo delle vittime della mafia. Nel cortile della scuola Casiraghi, tanti ragazzi si sono riuniti per ricordare le figure eroiche della lotta alla criminalità organizzata. Sulle note della canzone “I cento passi”, recitata da due studenti, è stata posata la corona al monumento che sorge nel giardino.

Tra le autorità presenti, il vicesindaco di Sesto Felice Cagliani, il sindaco di Cinisello Siria Trezzi e quello di Bresso Ugo Vecchiarelli. Presente anche la parlamentare ed ex sindaco di Cinisello Daniela Gasparini, che prima della cerimonia ha incontrato i ragazzi parlando loro del tema della mafia.

“La Criminalità non aspetta nessuno – ha aggiunto nel suo discorso il giovane Mirko – se non reagiamo in tempo, finirà che la sua legge, quella dell’ingiustizia, retta dall’omertà e dal silenzio che si seerve di metodi di intimidazione e repressione violenta e spietata, opprimerà ciascuno di noi”.

“E’ ora di alzarci – a concluso – e reagire con tutte le nostre forze raccogliendo tutto il nostro coraggio”.

 

ARTICOLI CORRELATI