Sab. 20 Lug. 2024
HomeBreaking NewsCinisello Balsamo, tabelloni pubblicitari 6x3: "questione risolta"

Cinisello Balsamo, tabelloni pubblicitari 6×3: “questione risolta”

Ci sono voluti più di 15 anni ma finalmente si è giunti ad una svolta sulla vicenda dei tabelloni pubblicitari 6×3, ex “SCI-Società Concessioni Internazionali srl”. Il Comune di Cinisello Balsamo è riuscito a mettere la parola fine sull’annosa questione e, a seguito di apposita gara, 26 impianti sono stati assegnati ed ora sono a reddito.

“La vicenda risale al 2008, quando fu stipulato il contratto sotto la Giunta guidata da Angelo Zaninello. La concessione, approvata per sei anni – ricorda il Comune -, riguardava i cartelloni pubblicitari pubblici della dimensione di 6 metri per 3 metri da destinare alle affissioni di natura commerciale su strada. La società entrò però in possesso solo di una minima parte degli spazi perché nel 2012 il Comune cambiò il regolamento rendendo illegittimi i cartelloni 6 metri per 3 metri in quanto più a favore di dimensioni meno ingombranti, senza contare che la messa in posa della cartellonistica riguardava zone in cui era vietata (strade della Provincia di Milano). Da qui la richiesta di risarcimento chiesta e ottenuta da parte dell’azienda concessionaria per danno d’immagine e mancati incassi”.

“Un’altra eredità pesante dal passato alla quale abbiamo posto rimedio – commenta il sindaco Ghilardi -. Il danno provocato da questa vicenda è stato importante ma abbiamo agito per recuperare ed ora ben 26 impianti torneranno ad essere utilizzati e remunerativi per il Comune”. Gli impianti totali erano 50, 26 assegnati e 13 sono stati riservati per le pubbliche affissioni commerciali/istituzionali determinati in base alle necessità del Comune. Gli 11 restanti sono invece stati eliminati nel tempo perché posizionati in luoghi non rispondenti al codice della strada.

E intanto il Comune, annuncia Ghilardi, è già al lavoro su una possibile gara per gli impianti cosiddetti “vertical”, già sperimentati positivamente dal Comune di Milano, da affidare a una ditta specializzata. Attualmente siamo in un’attenta fase di studio per verificarne la fattibilità.

ARTICOLI CORRELATI