Lun. 20 Mag. 2024
HomeBreaking NewsStrage di Suviana: trovato il corpo di Alessandro D'Andrea, lavorava per la...

Strage di Suviana: trovato il corpo di Alessandro D’Andrea, lavorava per la Voith Hydro di Cinisello

Il tecnico era stato reclutato per i lavori di aggiornamento tecnologico e le prove di collaudo sul secondo gruppo della centrale Enel

Nella serata di giovedì è arrivata la tragica notizia: tra le macerie della centrale idroelettrica Enel di di Bargi, sul Lago di Suviana, nel comune di Camugnano (Bologna), è stato ritrovato il corpo senza vita di Alessandro D’Andrea, 36 anni, dipendente della Voith Hydro di Cinisello Balsamo, situata in via Paisiello. D’Andrea, tecnico specializzato, era originario di Forcoli, in provincia di Pisa, dove vivono i genitori e una della sorelle, mentre l’altra abita a Milano e lavora in polizia. Era stato reclutato per i lavori di aggiornamento tecnologico e le prove di collaudo sul secondo gruppo della centrale Enel.
Ieri il primo cittadino di Cinisello Balsamo, Giacomo Ghilardi, aveva espresso il suo dispiacere sui social con un post: “Lo sconforto è tanto nella nostra città per la terribile esplosione della centrale idroelettrica Enel. Dolore per le perdite, apprensione per i dispersi e un pensiero particolare per Alessandro D’Andrea, dipendente della Voith Hydro, storica azienda di costruzione di centrali elettriche che ha sede nella nostra città”. L’esplosione di martedì è avvenuta al piano -8 e ha causato anche lo scoppio di un tubo che ha allagato il piano -9. È quello dove si trovava Alessandro D’Andrea. Le operazioni di ricerca dei sommozzatori dei vigili del fuoco sono state molto difficili e svolte al buio, in condizioni di pericolosità per la presenza di numerosi detriti.
Con il ritrovamento del corpo del tecnico toscano il bilancio dell’esplosione è salito a 6 vittime: Paolo Casiraghi, 59 anni di Milano; Adriano Scandellari, 57 anni nato a Padova e residente a Ponte San Nicolò; Vincenzo Franchina, 36 anni di Sinagra (Messina), Pavel Petronel Tanase di 45 anni, originario della Romania e residente a Settimo Torinese; Mario Pisani, 73 anni nato a Taranto e residente a San Marzano di San Giuseppe. All’appello manca ancora un uomo: Vincenzo Garzillo, 68 anni di Napoli.

ARTICOLI CORRELATI