Mar. 25 Giu. 2024
HomeBreaking NewsNord Milano, regionali: conferma del centro destra tranne a Sesto San Giovanni...

Nord Milano, regionali: conferma del centro destra tranne a Sesto San Giovanni che torna rossa

Sesto San Giovanni l'unica città nordmilanese dove vince Majorino con oltre il 48% e il Pd si attesta primo partito. A Paderno il trionfo del centro destra con Alparone che fa il boom di preferenze.

Vittoria netta per il centro destra anche nel nord Milano, con l’unica eccezione del comune di Sesto San Giovanni dove il candidato del centro sinistra alla presidenza della Regione, Pierfrancesco Majorino, ottiene il 48,02% di preferenze superando di 7 punti percentuali Attilio Fontana fermo al 41,19%.

Un risultato in controtendenza rispetto all’andamento regionale quello di Sesto San Giovanni dove, a dispetto delle ultime elezioni politiche che hanno visto la prevalenza di Fratelli d’Italia, è il PD ad ottenere il primato con una percentuale di poco inferiore al 30% (29,21%). Qui è la candidata sestese Loredana Pastorino – già consigliera per i dem e vice presidente vicario del Consiglio comunale – a fare centro con 1050 preferenze sulle 1535 totali. 255 preferenze (su 400 totali) per la sestese Sara Taldone candidata nelle file di Alleanza Verdi Sinistra, seguita da Raffaella Polverino del Movimento 5 Stelle che ha ottenuto in città 161 voti su 367 totali (nelle file del M5S anche Daniele Tromboni e Sergio Missiaggia). Tra i sestesi candidati alle regionali anche Federico Maisenti per Azione a sostegno di Letizia Moratti che ottiene 90 preferenze su 188 totali e il consigliere comunale Gianmaria Vincelli che, nella lista Noi Moderati-Rinascimento Sgarbi a sostegno di Attilio Fontana si è aggiudicato in città 58 voti sui 110 totali.

Il comune nordmilanese dove il centro destra si è nettamente imposto è Paderno Dugnano con il 52,34% di voti per Attilio Fontana contro il 36,47% di Majorino. È Marco Alparone della lista di Fratelli d’Italia ad aver fatto il pieno di preferenze ottenendo nella città di cui è stato sindaco per due mandati consecutivi (primo sindaco del centro destra nella storia di Paderno) 2233 voti sui 7796 totali, guadagnando così l’ingresso in Consiglio regionale.

Segue Cologno Monzese dove il centrodestra di Fontana sfiora il 50% di preferenze (50,95%) contro il 36,08 del centro sinistra guidato da Majorino. In città l’ex vicesindaco Gianfranca Tesauro in lizza per Fratelli d’Italia ha guadagnato 685 voti sui 2459 totali. Tra i candidati colognesi anche Luca Puleo nella Lista Moratti (252 preferenze su 368 totali) e Daniele Durante per Alleanza Verdi Sinistra con 55 voti su 240 totali.

Il vicesindaco Berlino intervistato dal nostro direttore

Stacco di 8 punti percentuali a Bresso dove il centro destra ottiene il 48,35% di voti contro il 40,24% del centro sinistra. A Cusano Milanino Fontana ottiene il 47,72% di preferenze e Majorino si ferma al 41,17%. Qui la vicesindaco e assessore alla Cultura, Sport e Commercio Elena Maggi, in corsa con la Lega, ottiene 160 preferenze sulle 387 totali. 5 punti percentuali decretano la vittoria del centro destra anche a Cormano (47,75% vs 42,74%9, mentre a Cinisello Balsamo il distacco è di soli 3 punti percentuali con Fontana che si attesta al 46,65% e Majorino al 43,66%. Nel comune che andrà al voto tra pochi mesi due i candidati in corsa alle regionali: Jari Colla in quota Lega che ottiene 286 voti su 2547 totali e il vicesindaco e assessore Giuseppe Berlino candidato in Fratelli d’Italia che si aggiudica in città 1201 preferenze sulle 1941 totali.

 

 

ARTICOLI CORRELATI