Ven. 09 Dic. 2022
HomeA tutto sportSesto San Giovanni, hockey: Diavoli a corrente alternata, bene under 13 e...

Sesto San Giovanni, hockey: Diavoli a corrente alternata, bene under 13 e 11, un po’meno under 17 e 15

Nel week end appena trascorso i ragazzi dell’under 13 e 11 scaldano i motori in vista dell’inizio del campionato nei tornei fuori regione e compensano le prestazioni non brillanti delle formazioni maggiori.

Non si sblocca l’under 17 che a Renon cede il passo al Ritten/Kaltern. La squadra formata da Diavoli-Milano-Como-Chiavenna gioca bene i primi due tempi, chiusi sul 3-0 per i padroni di casa, per poi calare nel terzo tempo e concedere la vittoria per 8-0 al Ritten/Kaltern.

Una sconfitta anche per gli under 15, che ad Aosta perdono 8-3 con i Gladiators Aosta. Un risultato che non pregiudica la soddisfazione del coach Tomo Hafner per la prestazione del gruppo, coeso e compatto e in fase di crescita: “Loro sulla carta erano favoriti, noi siamo partiti bene e non ci siamo mai arresi – commenta -. Purtroppo abbiamo pagato il fatto di avere una panchina corta. La squadra ha giocato, abbiamo puntato sul valore del gruppo, invece che sul singolo giocatore”.

Risolleva il morale l’ottima prestazione dei 7 diavoli under 13 che hanno partecipato al Torneo Claudio Franceschini, vestendo la maglia della rappresentativa regionale Lombardia. Ecco il commento a fine giornata del ds Fumagalli, per l’occasione tecnico della formazione: “I ragazzi selezionati hanno avuto la possibilità di giocare contro i migliori atleti d’Italia; è stata una bellissima esperienza. Se la sono cavata molto bene, giocando due partite di altissimo livello e sfiorando un ottimo piazzamento nel torneo. Un grazie al comitato e allo staff tecnico per averci dato questa opportunità”. Nota di merito per Diego Calistri, premiato come miglior portiere della manifestazione.

Si chiude con l’ottavo posto la prova dei diavoli dell’under 11 impegnati nel torneo di Pinè. Dopo un avvio in salita, i giovani rossoneri sono cresciuti match dopo match. “Abbiamo avuto qualche difficoltà iniziale per poi migliorare – commenta coach Cusin – I ragazzi hanno fatto quello che gli avevo chiesto, giocando di squadra. Stiamo mettendo le basi per crescere e migliorare, puntando sulla coesione del gruppo”.

 

ARTICOLI CORRELATI