Ven. 03 Dic. 2021
HomeAttualitàLa surroga del mutuo conviene? Caratteristiche, vantaggi e consigli

La surroga del mutuo conviene? Caratteristiche, vantaggi e consigli

Che cosa c'è da sapere sull'operazione che permette di trasferire il finanziamento in corso ad un’altra banca. È senza costi per il cliente ed è un modo per ottenere tassi agevolati

La surroga del mutuo nasce nel momento in cui si desidera cambiare banca per ottenere condizioni e tassi migliori. Questa è un’operazione legale che permette di poter trasferire il proprio debito ad un altro istituto di credito: ma conviene? E quando farla? La parola agli esperti.

Che cos’è la surroga del mutuo?

La surroga del mutuo è una operazione che permette di trasferire il finanziamento in corso ad un’altra banca. È senza costi per il cliente e rappresenta un modo vantaggioso per ottenere tassi agevolati.

Riconosciuta dalla legge attraverso l’articolo 1202 del Codice Civile con una introduzione secondaria della Legge 40 2/4/2007 (Decreto Bersani). Dal 2007 la surroga diventa ancora più conveniente per il mutuatario, proprio perché non gli spettano spese accessorie aggiuntive, come costi notarili o penali per estinzione anticipata.

Quando conviene richiedere la surroga del mutuo

Il mercato immobiliare recente, nel periodo storico attuale difficile e imprevedibile, porta i debitori ad effettuare moltissime richieste di portabilità. Tutto questo ha fatto in modo che le aziende di credito potessero offrire ai clienti tassi e agevolazioni migliori, così da permettere un cambio veloce e indolore.

In realtà, i dati evidenziano che la convenienza della surroga è stata netta per tutte le persone che avevano acceso un mutuo nei primi anni dopo il 2000, con i massimi storici registrati dal 2007 al 2009.

La surroga del mutuo è conveniente quando il tasso proposto dalla nuova banca, permette un risparmio notevole sviluppato negli anni che restano per la sua estinzione totale.

Prima di richiedere la surroga del mutuo è bene rivolgersi a professionisti del settore, come gli esperti di www.rexpira.it, che sapranno indicare il percorso corretto da intraprendere. Non solo, potranno anche mettere di fronte il debitore al fatto che questa non sia una strada conveniente se manca poco tempo dalla conclusione del mutuo.

In questo caso, gli interessi sono già stati pagati e sarebbe poco conveniente ripartire, con un altro piano e quote di interessi da ricalcolare.

Caratteristiche della surroga del mutuo

Le caratteristiche principali della surroga del mutuo da considerare sono:

  • Le spese sono a carico del nuovo istituto di credito
  • L’importo del mutuo non sarà mai superiore al debito residuo nel momento in cui si decide di trasferirlo
  • Il nuovo contratto da firmare con la banca offre la possibilità di modificare la durata del mutuo nonché la tipologia di tasso
  • Non si può aumentare l’importo del mutuo residuo.

Il debitore dovrà inoltre cancellare l’ipoteca immobiliare che è iscritta dal vecchio istituto di credito, effettuandone una nuova a favore della banca di riferimento. Una volta che è stato individuato il nuovo istituto di credito, la vecchia banca non potrà opporsi.

Da quel momento, la nuova banca esaminerà la pratica con le tempistiche previste dalla legge italiana vigente per poi deliberare la surroga. Come avviene questo passaggio? Il nuovo istituto di credito effettuerà una perizia, con la presenza del notaio, per confermare la regolarità della casa/immobile. Solo dopo conferma si potrà procedere con la redazione del nuovo contratto e importo del mutuo.

ARTICOLI CORRELATI