Sab. 24 Lug. 2021
HomeAttualitàSesto San Giovanni, il S. Raffaele arriva nelle aree ex Falck: c'è...

Sesto San Giovanni, il S. Raffaele arriva nelle aree ex Falck: c’è la firma

Il San Raffaele nelle aree Ex Falck

È ufficiale, il San Raffaele 2 arriverà a Sesto San Giovanni. Lo hanno reso noto Milanosesto S.p.A., società proprietaria delle aree ex Falck, e il Gruppo San Donato, annunciando la sottoscrizione di un contratto preliminare di compravendita dell’area Unione Nord, finalizzata alla realizzazione del nuovo polo universitario e ospedaliero dell’Università Vita – Salute San Raffaele.

La superficie di progetto si sviluppa in prossimità del polo specialistico della Città della Salute e della Ricerca, dove troveranno posto anche gli altri due istituti di ricovero e cura a carattere scientifico che si insedieranno nelle ex aree Falck, l’Istituto dei Tumori e il Neurologico Besta. Ricerca e salute saranno così la cifra di MilanoSesto, il più grande progetto di rigenerazione urbana in Italia e tra i principali a livello europeo, che darà vita alla trasformazione dell’area industriale di 1,5 milioni di metri quadrati, dove un tempo sorgevano le acciaierie Falck di Sesto San Giovanni che hanno segnato la storia della città. Un nuovo polo urbano con il masterplan firmato da Foster+Partners, affiancato dallo studio di architettura del paesaggio Land.

La firma del contratto preliminare di compravendita dell’area Unione Nord tra MilanoSesto e Gruppo San Donato per realizzare il nuovo polo ospedaliero e universitario del San Raffaele è stata accolta con grande entusiasmo dal sindaco Roberto Di Stefano: “Con il nuovo Piano di Governo del Territorio, approvato nell’ultimo Consiglio comunale, abbiamo intrapreso una strada ben delineata con l’obiettivo di rendere Sesto San Giovanni una città sempre più attrattiva sotto ogni punto di vista – ha commentato -. Ora finalmente siamo grado di permetterle di svilupparsi e di crescere anche sotto la spinta propulsiva che interessa i settori della salute e della ricerca, la cui importanza è diventata ancora più fondamentale sulla scia della pandemia”.

Con l’arrivo nelle ex aree Falck del San Raffaele – inserito tra i migliori 250 ospedali al mondo dalla rivista Newsweek -, insieme all’Istituto dei Tumori e al Neurologico Besta e il nuovo polo Multimedica che sorgerà sulle aree Marelli, che si aggiungono al nosocomio cittadino, la città di Sesto San Giovanni ha tutte le carte in regola per definirsi un vero e proprio distretto di salute e ricerca di caratura  internazionale: “Unire formazione universitaria e ospedali, creando sinergie tra studenti e medici, significa dare un ulteriore valore aggiunto a tutto il progetto della Città della Salute e della Ricerca che trasformerà Sesto in una capitale internazionale nel campo della medicina e in quello scientifico – ha proseguito Di Stefano -. Tra i principali obiettivi strategici del nuovo Pgt abbiamo infatti voluto puntare su cura e salute come nuovo volàno per uno sviluppo in grado di creare benefici alla città attraverso la riconversione urbana più importante d’Europa che cambierà il volto del territorio e migliorerà la vita dei cittadini”.

La riqualificazione dell’intera area è promossa da Milanosesto S.p.A., da Hines, in qualità di advisor strategico dell’intero progetto e development manager, e dal Gruppo Prelios, che cura l’asset e project management. A seguito della firma del contratto, le prossime fasi prevedono la finalizzazione del progetto architettonico ed edilizio e il completamento dell’iter amministrativo. L’avvio dei lavori è atteso nel 2023.

 

ARTICOLI CORRELATI