Lun. 21 Giu. 2021
HomeAppuntamentiSesto San Giovanni, al via la rassegna culturale “Sesto e il mondo”

Sesto San Giovanni, al via la rassegna culturale “Sesto e il mondo”

Sesto San Giovanni – Un ampio palinsesto per Sesto e il Mondo, la rassegna culturale organizzata dall’assessorato Turismo e Cooperazione in collaborazione con l’assessorato alla Cultura. L’obiettivo è quello di conoscere gli aspetti politico-istituzionali-culturali di alcuni Paesi attraverso conferenze (in streaming e in presenza) ed eventi culturali organizzati con i patrocini dei Consolati del Giappone, dell’India e della Francia e in collaborazione con le associazioni del territorio.

“Con questa nuova rassegna – spiega l’assessore con delega a Turismo e Cooperazione Internazionale – andiamo ad approfondire in modo innovativo le specificità dei diversi Paesi del mondo sia sotto l’aspetto culturale sia sotto l’aspetto politico-istituzionale. Puntiamo a incontri conoscitivi dei sistemi amministrativi dei singoli Stati, per scoprirne le particolarità e le differenze che in pochi conoscono, per poi proseguire con attività culturali e sportive molto coinvolgenti. Iniziative di questo genere nemmeno Milano le ha mai fatte e sono importanti per dare il giusto lustro a Sesto San Giovanni, la città più grande dell’hinterland che conta anche molti residenti provenienti da diverse parti del mondo. Dopo l’estate proseguiremo la rassegna con appositi focus su altri Paesi”.

“Sesto e il Mondo” punta a fornire l’opportunità di conoscere più da vicino alcuni Paesi stranieri: “Lo faremo in un modo diverso dal solito, con presentazioni di libri, incontri con figure istituzionali, eventi – spiega l’assessore alla Cultura, Alessandra Magro –. Sarà un modo per saperne di più su tante realtà lontane da noi geograficamente; per conoscerne il funzionamento politico-istituzionale e scoprirne usi e affinità o differenze culturali. Una bella occasione di confronto che apriremo con un giovanissimo scrittore italiano trasferitosi in Giappone e che attraverso il suo thriller ci racconta la millenaria tradizione del paese del Sol Levante”.

GIAPPONE

Si partirà domani, mercoledì 9 giugno, sul portale del Comune: a partire dalle ore 17 con l’intervista a Tommaso Scotti, autore de “L’ombrello dell’Imperatore” – Longanesi, in collaborazione con la Libreria Tarantola; alle 18 la presentazione dell’installazione “Josei/Donne” dell’illustratrice Alessandra Scandella (intervengono l’autrice, il curatore Cristoforo Moretti e l’assessore alla Cultura Alessandra Magro). L’installazione resterà in Villa Visconti per tutta l’estate, fino al 17 settembre; alle 18.30 la Conferenza “Conosciamo il Giappone” (saluti del Sindaco Roberto Di Stefano e del Console Generale del Giappone Amamiya Yuji) e a seguire: “Sistema istituzionale giapponese e confronto con quello italiano” (intervengono il Console Generale Aggiunto Signora Yoshimura Yuko e l’assessore al Turismo e alla Cooperazione Internazionale, Claudio D’Amico).

Venerdì 11 giugno, ore 21.00 – Villa Visconti D’Aragona: “La musica è l’occhio dell’orecchio: il Giappone contemporaneo tra sogno e realtà”: mostra fotografica con suggestioni pianistiche a cura di Sara Rossatelli (fotografa) e Sofia Rossatelli (Pianoforte). La mostra è visitabile dal 14 al 18 giugno in Sala Talamucci, a cura dell’Associazione Palinsesto. Prenotazioni per la serata: prenotazioni@palinsesto@events. Prenotazioni visite alla mostra: estate2021@sestosg.net

INDIA

Domenica 20 giugno – Villa Visconti d’Aragona: in occasione dello Yoga Day in Villa Visconti si terranno tre sessioni di pratica Yoga, di cui una dedicata ai bambini. La serata si chiuderà con un concerto del gruppo “Ananda kiirtan band” che già lo scorso anno si era esibito con grande successo.

Programma: classi yoga con Paola Campese ore 17:30; yoga per bambini
ore 18:30; yoga per tutti; ore 21 concerto mantra con Ananda Kiirtan Band: Per partecipare occorre portare il proprio tappetino. La “Consulta dello Sport” patrocina l’evento, l’associazione “POW WOW discipline Bio-Naturali” cura l’aspetto della pratica dello Yoga, l’associazione “TEAM dei 100 Sesto San Giovanni” provvede all’aspetto logistico. Per info e prenotazioni mail: consultadellosport@sestosg.net; cell. 347 2943574

FRANCIA

Mercoledì 14 luglio, Villa Visconti, ore 21.00: “Quel giorno accadde anche altro – 14 luglio 1789: una data pretesto per rileggere il curioso e ignaro parallelismo di due vite” – Narrazione-concerto con Danilo Faravelli (conduttore), Costanza Faravelli (voce narrante) e Laura Di Monaco (arpa). “Come sarebbero andate invece le cose, se…”: sfidando la prima e più elementare regola della storia, durante la serata ci divertiremo a fantasticare sugli eventuali effetti di un incontro ravvicinato fra due coetanei dalle vite parallele, Maria Antonietta d’Asburgo Lorena e Wolfgang Amadeus Mozart, che si incontrarono da bambini a Vienna, dove, si dice, si fossero scambiati un’ingenua promessa di matrimonio e che non è impossibile si siano intravisti a Parigi da ventenni.

A condurre la serata sarà il suo ideatore Danilo Faravelli; a integrarne le tematiche con letture da documenti d’epoca, prevalentemente stralci epistolari, provvederà la voce di Costanza Faravelli. Ad arricchire artisticamente l’evento contribuirà l’arpa di Laura Di Monaco, scelta non casuale, visto che il più esplicito fattore di convergenza fra i due enigmatici universi individuali di Maria Antonietta e Mozart fu proprio la musica: non comune dilettante d’arpa lei, compositore sommo lui.

Il 14 luglio 1789… Il 14 luglio 1789, a Parigi, mentre veniva presa d’assalto la Bastiglia, Maria Antonietta imboccò ufficialmente la strada senza uscita che l’avrebbe portata alla lama della ghigliottina e alla dissoluzione dell’ancien régime e, con esse, allo svaporamento del sogno strenuamente nutrito da Maria Teresa imperatrice, sua madre, di asservire politicamente la Francia all’Austria, dopo avere immolato la più fascinosa delle proprie figlie sull’ara nuziale della ragion di stato. Il 14 luglio 1789, a Vienna, Mozart firmò e spedì la lettera che più d’ogni altra ce lo presenta come vittima di un fallimento professionale che gli era stato minacciosamente prefigurato come inevitabile nel caso non avesse scrupolosamente ottemperato, da figlio di musicista “arrivato” e rispettabile qual era, alle strategie e ai metodi suggeritigli da suo padre per il pieno conseguimento dell’agognato successo.

L’evento è a cura dell’Associazione Palinsesto. Prenotazioni: prenotazioni@palinsesto.events

 

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI