Mer. 28 Lug. 2021
HomeEconomiaConti correnti: guida alla scelta

Conti correnti: guida alla scelta

Tra gli strumenti bancari che si possono utilizzare per gestire i propri soldi, il conto corrente è uno dei più importanti. Grazie ad esso è possibile monitorare guadagni e spese, ma anche amministrare in senso più generale i propri risparmi. Chi è interessato a richiedere un mutuo on line, per esempio, deve essere in possesso di un conto corrente; a questo proposito si può sfruttare la funzione di calcolo della rata del mutuo messa a disposizione da Widiba: in pochi clic si riesce a calcolare mutuo on line sia a tasso fisso che a tasso variabile.

Quale conto corrente scegliere

Il conto corrente privato è quello che viene usato da chi ha la necessità di depositare in maniera veloce e facile il proprio denaro: è un conto comune e personale. Non è questa, però, la sola tipologia di conto che si ha a disposizione: alcune banche, per esempio, propongono i conti per la famiglia, grazie a cui i nuclei familiari usufruiscono di una specie di salvadanaio in cui possono mettere il denaro da usare in seguito. I conti per pensionati, come il loro nome lascia intuire, servono essenzialmente per l’accredito della pensione, e si caratterizzano per la disponibilità di funzioni base e di costi di gestione ridotti. Infine c’è il conto online veloce, che si può gestire direttamente da Internet.

Come si identifica il conto corrente

Il numero di conto corrente e il nome della banca, con l’indicazione della filiale, sono le due informazioni di cui si ha bisogno per identificare il conto corrente in modo univoco. Allo scopo di rendere l’elaborazione informatica più semplice, poi, sono stati previsti diversi codici identificativi. In particolare, il codice IBAN è costituito dal codice CIN, dal codice ABI, dal codice CAB e dal numero di conto.

Quali servizi offre un conto corrente

Con il passare del tempo l’offerta nel settore è andata via via ampliandosi, anche in direzione di una maggiore diversificazione. Questo ha permesso di incrementare il numero di operazioni che possono essere effettuate per mezzo di un conto corrente. Oltre all’accredito dello stipendio, un conto permette di domiciliare le utenze e di utilizzare le carte di credito, i bancomat e gli assegni. I versamenti e i prelievi in filiale si associano ai servizi di phone banking e di internet banking. In qualunque momento, poi, si può richiedere un estratto conto, che è il documento che riepiloga le operazioni che sono state eseguite e indica il saldo a disposizione.

Quanto si spende per la tenuta di un conto corrente

La spesa da affrontare per la tenuta di un conto corrente cambia in base alla banca e al tipo di conto per cui si è deciso di optare. In molti casi, per esempio, i conti correnti online annullano determinate voci di spesa, riducendo i costi in modo significativo. Il canone mensile varia a seconda delle funzionalità offerte e richieste; per esempio, è previsto un canone apposito per l’uso della carta di credito. Tra le voci di spesa più importanti ci sono anche le commissioni che si applicano per la domiciliazione delle utenze, per i prelievi, per i bonifici, per gli assegni emessi e per i pagamenti con il Pos.

Che cosa si deve fare per chiudere un conto corrente

Nel caso in cui si abbia in mente di chiudere un conto corrente, quasi sempre è necessario inoltrare una richiesta scritta alla banca presso cui è detenuto il conto. A volte è sufficiente un normale messaggio di posta elettronica inviato al reparto che si occupa di chiudere i conti. In altre circostanze, invece, c’è bisogno di recarsi in filiale e compilare dei moduli. Non ci sono, in ogni caso, spese di estinzione da pagare.

I conti per i giovani

Nel novero dei conti che le banche possono proporre ci sono anche i conti per studenti, e in particolare per studenti universitari. Per loro sono previste delle offerte e delle agevolazioni che possono avere a che fare con le loro attività di ricerca e studio. Infine, non vanno dimenticati i conti per i bambini, pensati per chi non ha ancora raggiunto la maggiore età: come è facile intuire, le funzioni fornite in questo caso saranno molto limitate.

ARTICOLI CORRELATI