Mar. 27 Set. 2022
HomeAttualitàSesto San Giovanni, Coronavirus: il 78enne è negativo. Rivista l'ordinanza

Sesto San Giovanni, Coronavirus: il 78enne è negativo. Rivista l’ordinanza

[textmarker color=”E63631″] SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] Una notizia positiva arriva da Regione Lombardia, che ha reso noto la negatività dei test di controprova effettuati allo Spallanzani di Roma sul tampone del 78enne di Sesto San Giovanni ricoverato da una settimana all’Ospedale San Raffaele. Dunque il sestese non è infetto da Coronavirus.

“Finalmente una bella notizia” ha commentato il Sindaco Roberto Di Stefano dalla sua pagina Fb, specificando inoltre che dovranno comunque essere effettuati ulteriori test per verificare la presenza di eventuali anticorpi al Covid 19. Fino all’esito di questi ultimi, infatti, non si può escludere in maniera assoluta che il 78enne abbia contratto il virus, il che spiegherebbe l’esito debolmente positivo dei test effettuati nei giorni scorsi dall’ospedale Sacco di Milano che avevano fatto scattare l’allarme in città.

Al momento dunque – stando alle dichiarazioni del primo cittadino – non ci sarebbe nessun sestese contagiato da Coronavirus, pertanto l’Amministrazione ha deciso di rivedere le restrizioni dell’ordinanza emessa nella giornata di ieri.

Sulla base di quanto disposto nell’ordinanza del Ministero della Salute d’intesa con il Presidente della Regione Lombardia, perciò, i centri commerciali Sarca e Vulcano potranno rimanere aperti durante la settimana ad eccezione delle giornate di sabato e domenica, ma senza bloccare l’attività dei punti vendita di generi alimentari. Sospesa anche l’indicazione di utilizzo dei dispositivi di prevenzione, protezione e sicurezza (mascherine e guanti) per l’accesso ai locali della distribuzione. Stessa sorte per i mercati comunali che potranno regolarmente svolgersi durante la settimana ma non durante il week end, ad eccezione dei banchi di generi alimentari.

Permane la disposizione per i bar, locali notturni e tutti gli esercizi di intrattenimento aperti al pubblico che devono osservare la chiusura negli orari maggiormente frequentati, ovvero dalle 18 alle 6 del mattino. Le altre attività commerciali possono restare aperte senza limitazioni d’orario.

Chiuse scuole di ogni ordine e grado così come gli asili nido fino a fine settimana, in attesa di nuove disposizioni. Nessuna modifica in ordine alle altre disposizioni previste nell’ordinanza emessa ieri.

ARTICOLI CORRELATI