sharebot_monza
sharebot_monza
COLLETTA ALIMENTARE
COLLETTA ALIMENTARE
ZOO CLUB
ZOO CLUB
GUASTALLA
GUASTALLA
Cinifabrique MIMEP
MIMEP
NMA feb2018

Nordmilano24

News

Cinisello Balsamo, una vacanza mai vista

Cinisello Balsamo, una vacanza mai vista
giugno 30
08:40 2019

CINISELLO BALSAMO – – «Una cosa così non l’ho mai vista: questa è una cosa nuova». Il professor Giuseppe Meroni, cinisellese, insegnante e fra i promotori di “Educare ancora”, realtà nata nei mesi scorsi a Cinisello Balsamoci racconta di una recente vacanza che ha coinvolto un gruppo di persone di cinque nazionalità diverse. Cattolici, copti, russi ortodossi. Una settantina, tra adulti e ragazzi. Sono i “numeri” di una vacanza nella Bergamasca nata per caso, anzi «per Provvidenza»  e che si è tradotta in una «comunione che rende l’ecumenismo un fatto vissuto».

Ecco la sua testimonianza:  Siamo a Mezzoldo, provincia di Bergamo: monsignor Francesco Braschi, venuto a trovarci per una testimonianza, così dice ai ragazzi che si trova di fronte. Ci sono russi ortodossi accompagnati dall’archimandrita padre Ambrogio Makar, ci sono i copti ortodossi di padre Raffaele, i lituani di Kretinga accompagnati da suor Julija, i rumeni di Bucarest con don Livio, e infine i ragazzi italiani del Liceo Leopardi di Lecco e alcuni ragazzi di Sesto San Giovanni e Cinisello Balsamo.

Tutti dai 16 ai 18 anni, convocati a passare tre giorni insieme per “Vivere, non vivacchiare”, come diceva il beato Pier Giorgio Frassati, e verificare la promessa di Gesù nel vangelo di Giovanni: «Son venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza». Ma “una cosa così, mai vista” è nata per una concatenazione di incontri che sembravano attesi da sempre. Dice padre Makar: «Dio ci ha portato qui, questa è la strada, un grande lavoro e un grande frutto; la fede ci porterà avanti. Per la nostra comunità russo-ortodossa è un miracolo». Sono incontri nati da contatti, anche questi casuali – ma come osserva Kierkegaard, gli sciocchi chiamano “caso” quello che è Provvidenza -, cominciati con una scuola di Kretinga, in Lituania sul mar Baltico, e con la partecipazione di loro studenti alle vacanze di GS, proseguiti con una scuola rumena cattolica di Bucarest e con l’invito, anche per loro, a condividere una tre giorni insieme.

Poi, negli ultimi due mesi, l’imprevisto incontro con la comunità dei copti e quella dei russi ortodossi che hanno comunità significative a Cinisello Balsamo, all’interno di un’iniziativa di ripresa della valenza educativa del cristianesimo promossa dal comitato “Educare Ancora”. Tutto nasce da un’amicizia “operativa”, quella tra alcune scuole del territorio, legate a diversi carismi (Salesiani, Figlie di Maria Ausiliatrice, Cottolengo, Paolini, asili parrocchiali), insieme alle realtà cattoliche educative – oratori e centri di aiuto allo studio – e a tanti imprenditori e professionisti.

Da subito è scattata una simpatia e un invito verso queste comunità cristiane: «C’è questa tre giorni con i lituani e i rumeni… Venite anche voi?». Senza tentennamenti la risposta è stata: «Sì». Nel giro di un mese si è organizzata la partecipazione di 75, tra ragazzi ed adulti, che non si conoscevano. Poche ore, ed erano già una cosa sola: le traduzioni in cuffia, i canti, i giochi, i raggi… Ma soprattutto, la letizia.

Come ne parla Carrón nella prefazione all’ultimo libro di don Giussani, La verità nasce dalla carne: «Qual è il frutto da cui si può riconoscere il cambiamento che Cristo opera in noi?», don Giussani non ha dubbi: la gioia. «Incontrare la gioia è l’aspetto più rombante, clamoroso della testimonianza…». Qualcuno potrebbe domandarsi: «Tutto qui? Con tutti i problemi che ci sono nel mondo?». «Sì, tutto qui». Da questo incontro poi, tutto nasce e si sviluppa: «Siamo stati eletti per comunicare… è un compito: non una morale, ma un compito».

Si può solo seguire l’ampiezza delle prospettive che stanno nascendo, in una comunione che rende l’ecumenismo un fatto vissuto prima che un obiettivo storico o teologico. La prospettiva di una scuola comune, l’implicazione e l’attenzione della Chiesa milanese su questo embrione così promettente, l’amicizia tra le comunità e la partecipazione ai momenti di vita delle une e delle altre sono i segni di una nuova possibile unità di cui il mondo ha bisogno per credere.

 

 

Cinisello Balsamo, una vacanza mai vista - overview

Sommario: Una vacanza mai vista

Tags
Share

Autore

Angelo De Lorenzi

Angelo De Lorenzi

Articoli Correlati

COMMENTI

0 Commenti

Non ci sono ancora commenti!

Non ci sono ancora commenti, vuoi aggiungerne uno?

Scrivi commento

Scrivi Commento

La tua E-mail non verrà pubblicata.
*Campi obbligatori *

Newsletter

Leggi l'informativa privacy

SEGUI NORDMILANO24

  • Facebook
  • Google+
  • Twitter
  • YouTube