Mar. 06 Dic. 2022
HomeAttualitàCinisello, per assumere vigili la giunta pensa all'esternalizzazione dei nidi: lavoratori comunali...

Cinisello, per assumere vigili la giunta pensa all’esternalizzazione dei nidi: lavoratori comunali in agitazione

[textmarker color=”E63631″]CINISELLO BALSAMO[/textmarker] – A Cinisello Balsamo scoppia un nuovo caso e si creano nuove tensioni tra la giunta del sindaco Giacomo Ghilardi e l’opposizione di centrosinistra. In pratica la giunta, nel presentare il piano del fabbisogno 2018/2019, ha comunicato la volontà di assumere nuovi agenti di polizia locale per raggiungere l’obiettivo del servizio H24: e per consentire le nuove assunzioni è stata fatta proposta di esternalizzazione degli asili nido. Nel concreto, il prossimo passo dovrebbe essere l’esternalizzazione di uno dei nidi comunali all’azienda Ipis, Insieme per il Sociale, di cui Cinisello Balsamo è Comune socio.

Una proposta che non è piaciuta né alle parti sindacali e ai rappresentanti dei lavoratori del Comune, né ai partiti e ai movimenti di centrosinistra. “Il sindaco deve raggiungere i suoi obbiettivi, mantenere le promesse elettorali e comincia dal suo cavallo di battaglia: i vigili H24 e la sicurezza tanto sbandierata. Ma le risorse non lo consentono, la coperta è corta, bisogna scoprire qualcosa e allora che si fa? Si gioca la carta Nidi. Così, giocando con i pezzi, monta e smonta dove gli pare; siamo tessere di un domino tra mani ubriache di onnipotenza”, dicono i portavoce di Up, Unione Popolare.

“Le lavoratrici e i lavoratori del Comune, esprimono profonda contrarietà alla proposta di esternalizzazione degli asili nido e richiedono che si avvii un confronto finalizzato al loro mantenimento in economia. Chiedono che venga aperto un dialogo con le lavoratrici e i lavoratori della polizia locale nel merito delle idee di riorganizzazione e delle tempistiche previste dal piano assunzioni”, si legge invece in una nota della Rsu del Comune, la Rappresentanza sindacale unitaria. I sindacati hanno ufficialmente aperto lo stato di agitazione generale.

ARTICOLI CORRELATI