Dom. 23 Gen. 2022
HomeAttualitàCormano, il mercatino dell'usato fa ancora discutere

Cormano, il mercatino dell’usato fa ancora discutere

[textmarker color=”E63631″]CORMANO[/textmarker] – Ancora accuse contro il mercatino dell’usato di Cormano. Luigi Magistro, consigliere comunale di opposizione, portavoce della lista civica Cormano ai Cormanesi, ha pubblicato un post in cui racconta che la manifestazione è andata in scena, con i consueti problemi, anche nel sabato che ha preceduto la Pasqua e nel quale punta il dito contro il sindaco Cocca per l’immobilismo dimostrato ai cittadini di fronte alle situazioni di degrado più volte denunciate.

“Chiaramente non ci sono Santi che tengano e Cormano non può fare a meno del ‘prestigioso’ mercatino. Anche il sabato di Pasqua il business viene prima di tutto”, scrive Magistro. Aggiungendo: “I cittadini firmatari stanno ancora aspettando di essere chiamati dal sindaco Cocca. E allo stesso tempo stanno aspettando che qualcuno faccia rispettare le regole”.

A colpire, in particolare, una delle foto postate dal consigliere su Facebook. All’ingresso del mercatino, allestito tutti i sabato mattina nel parcheggio del centro sportivo di viale Europa, c’è un cartello in cui si citano truffe, furti e borseggi. “In pratica è una vera ammissione di quello che accade quando si valica il cancello: furti, tarocchi, merce rubata. Cosa si aspetta a intervenire? È stato sollecitato più volte un secondo incontro ma nulla, nemmeno una risposta alle nostre richieste. Il sindaco, invece che proseguire questo iter democratico, ha pensato bene di inviare 600 lettere, chiaramente a spese nostre, piene di finte rassicurazioni invece che affrontare con i cittadini coinvolti il problema. Prendiamo atto che la stessa Pro Loco sta alla finestra senza nessuna vera intenzione di risolvere il problema”, la chiosa di Magistro.

Lo scorso anno i cittadini della zona, che da tempo si lamentano per i disagi provocati dalla manifestazione e soprattutto per la situazione di degrado che si vive durante e dopo il mercatino (i rifiuti vengono abbandonati dagli ambulanti sul posto), avevano raccolto oltre 600 firme e le avevano inviate al sindaco, alle forze dell’ordine e anche al Prefetto. Il primo cittadino, Tatiana Cocca, ha convocato un primo incontro per discutere del futuro del mercatino. Ma dal 12 febbraio tutto tace. All’orizzonte ci sarebbe anche l’ipotesi di uno spostamento dell’evento settimanale.

ARTICOLI CORRELATI