Ven. 12 Ago. 2022
HomeCinisello BalsamoIl blitz a Sant'Eusebio, la Scampia di Cinisello

Il blitz a Sant’Eusebio, la Scampia di Cinisello

[textmarker color=”E63631″]CINISELLO BALSAMO[/textmarker] – Un’attività di spaccio al dettaglio che in qualche caso superava anche i 5 chili di droga al giorno. Sentinelle all’ingresso del quartiere e spacciatori appiattati sotto i portici dei “Palazzi”, le case Aler del quartiere Sant’Eusebio di Cinisello Balsamo. Sembra uno spaccato di Scampia, nel napoletano, o le immagini di una fiction, quello portato alla luce ieri mattina dalla Squadra Mobile della polizia di Milano. A finire in manette 32 persone, tutti italiani tranne un egiziano. Altre 13 persone sono state oggetto di perquisizione. Al vertice del gruppo criminale che dal 2011 gestiva i traffici nei “Palazzi” c’era un 26enne, L. G., detto “il nano”.

Le indagini hanno permesso di scoprire che il gruppo era ben organizzato e operava come un’impresa con ruoli ben definiti: fornitori abituali procuravano cocaina e hashish, movimentati attraverso “corrieri”. La droga veniva conservata negli appartamenti degli associati e venduta nei portici e negli androni del palazzo. Una ‘cassiera’ raccoglieva i proventi e teneva la contabilità. Alcuni ‘assaggiatori’ testavano la qualità della cocaina. Le ‘vedette’ erano incaricate di controllare la zona. Lo spaccio era organizzato in turni prestabiliti, uno pomeridiano e uno serale. A tutti i membri del gruppo venivano assicurati in caso di arresto assistenza legale e versamenti di denaro in carcere. La banda era diventata così pericolosa da essere disposta a far scorrere sangue per difendere il proprio potere sul quartiere e sui traffici di droga:  sono almeno due i tentati omicidi con armi da fuoco che si collegano al gruppo: nel maggio scorso a Muggiò un albanese venne ferito alla schiena nel corso di una cessione di droga; a novembre a Cinisello Balsamo in via Lincoln un membro della banda venne ferito con colpi di arma da fuoco.

Le indagini erano partite nel 2011 dagli investigatori del commissariato di Cinisello Balsamo e inizialmente coordinate dalla Procura della Repubblica di Monza, avevano già portato all’arresto di 8 persone e al sequestro di grandi quantitativi di cocaina e hascisc.

ARTICOLI CORRELATI