Mar. 23 Apr. 2024
HomeCinisello BalsamoCinisello, bilancio approvato nei tempi. Ghezzi: "Inutile allarmismo"

Cinisello, bilancio approvato nei tempi. Ghezzi: “Inutile allarmismo”

[textmarker color=”E63631″]CINISELLO BALSAMO[/textmarker] – Nell’ultima seduta di Consiglio comunale, che si è tenuta giovedì 18 maggio, è stato approvato il rendiconto di gestione 2016, cioè il bilancio consuntivo dell’anno scorso. “Nel rispetto dei tempi, entro i termini di scadenza”, sottolinea il vice sindaco di Cinisello Balsamo, e assessore al Bilancio, Luca Ghezzi.

“Un inutile allarmismo, il documento finanziario è stato approvato, la tempistica era quella prevista dei 20 giorni a disposizione dei consiglieri per analizzare gli atti, nel pieno rispetto delle loro funzioni e ruoli – aggiunge il vicesindaco Ghezzi -. La documentazione è stata inviata ai consiglieri comunali il 28 aprile, con l’accordo dell’assemblea dei capigruppo saremmo potuti andare in aula prima ma si è voluto attendere i 20 giorni da regolamento e si arrivati a giovedì scorso”.

Ghezzi ha risposto in aula alle critiche dei partiti di opposizione. Sul Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità, il vicesindaco ha detto che “è stato calcolato secondo le disposizioni normative e in applicazione dei nuovi principi contabili. L’importo, accantonato in avanzo, di euro 11.019.307,35 si riferisce ad alcune tipologie di entrata tra cui la Tari, l’Imu, l’imposta sulla pubblicità, i proventi derivanti dalle sanzioni al codice della strada, le entrate extratributarie (mense scolastiche, fitti per usi vari e proventi distribuzione gas). L’importo è cresciuto anche perché dal 2015 le sanzioni al codice della strada non sono più state accertate secondo il principio di cassa ma di competenza”.

“Nel riconoscere la correttezza della gestione contabile degli schemi e dei dati prodotti dagli uffici amministrativi del nostro Comune si valuta negativamente l’incapacità di questa giunta a concretizzare quei piani di programmazione ampiamente sbandierati un anno fa in occasione dell’approvazione del bilancio preventivo 2016 e non concretizzati per circa 5.000.000,00 di euro nel corso dell’anno. E’ troppo semplice sbandierare grandi e belle intenzioni quando si approva il bilancio preventivo e poi sottacere il mancato raggiungimento dei risultati prefissati. Come segnalato dallo stesso Collegio dei Revisori si sono utilizzati per più di 2.000.000,00 di euro risorse derivanti da oneri di urbanizzazione, pur nel rispetto dell’attuale norma vigente, per finanziare Spesa Corrente quando sarebbe più opportuno utilizzare queste entrate per finanziare investimenti”.

ARTICOLI CORRELATI