Mar. 21 Mag. 2024
HomeAttualitàVia Picardi, il progetto passa: online appena 71 voti, ma la maggioranza...

Via Picardi, il progetto passa: online appena 71 voti, ma la maggioranza dice sì

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] – A Sesto San Giovanni si è chiusa la votazione online per approvare il progetto della nuova via Picardi. Il progetto si intitola “Via Picardi, la via dei volori”, e sarà quindi realizzato dall’amministrazione comunale: sul web i cittadini hanno votato e con 59 voti favorevoli (83 per cento) e 12 contrari (17 per cento) il progetto passa ora alla fase operativa.

La prima riflessione spetta ai numeri: 71 voti sono decisamente pochi per dire sì oppure no a un piano di restyling che interesserà tutta la città. Se la colpa della scarsa partecipazione sia da attribuire al Comune o ai cittadini non lo sappiamo, quello che è certo è che i sestesi hanno sicuramente perso l’ennesima occasione per “partecipare”.

Il progetto è frutto dell’unione di tre proposte diverse (quella di commercianti e abitanti del quartiere firmata dall’architetto Antonio Ferrero, l’idea di Stefano Nasrawi presentata durante il processo di bilancio partecipativo Progetta Sesto e il lavoro svolto dall’amministrazione comunale con un gruppo di giovani all’interno del progetto Vivai di Bene Comune): il restyling della via prevede l’uso di tre diversi colori sui marciapiedi per connotare e dare identità e la riqualificazione del giardino con la creazione di luoghi di sosta, nuovi giochi per bambini e opere di street art sui muri perimetrali.

“I marciapiedi saranno dunque colorati in topazio nel tratto da via Montegrappa a via Matteotti, in tormalina da via Matteotti a via Podgora e in mango da via Podgora a viale Casiraghi. Il giardino sarà invece riqualificato con nuovi giochi: la prua di un vascello in legno con scivoli e rampe e giochi disegnati sul pavimento (scacchi, campana) che ricordano i giochi di gruppo in strada degli anni passati. Sempre nel giardino saranno realizzate nuove aree di sosta con panchine e due pergolati per creare zone d’ombra in estate. Infine, il muro di cinta che delimita il giardino diventerà una grande tela per murales per restituire decoro e bellezza all’intera area”, spiegano dal Comune.

ARTICOLI CORRELATI