Ven. 07 Ott. 2022
HomeCinisello BalsamoProfughi e accoglienza: pesanti insulti al sindaco Trezzi. Scoppia il caso

Profughi e accoglienza: pesanti insulti al sindaco Trezzi. Scoppia il caso

[textmarker color=”E63631″]CINISELLO BALSAMO[/textmarker] – Pesanti insulti al sindaco Siria Trezzi sulla sua pagina Facebook. E’ successo ieri e si è trasformato in un caso a Cinisello Balsamo. Il primo cittadino di Cinisello è tra quelli che hanno accettato di dire sì al Prefetto per accogliere nuovi profughi in città.

Sulla sua pagina Facebook la Trezzi ha scritto un post per spiegare la sua posizione. Sotto a questo sono stati scritti alcuni commenti da cittadini di Cinisello, uno dei quali, insultando la Trezzi, le augura anche di essere “violentata” da uno straniero. “E’ già successo altre volte in precedenza, ma questa volta non voglio più fare finta di nulla. Ho deciso dunque di pubblicare dalla mia pagina il commento (ora rimosso) di questa persona che, commentando un post dedicato all’accoglienza a Cinisello Balsamo, si augura che io venga violentata. Si può essere in disaccordo con le scelte politiche ed amministrative, avere visioni diverse della società, ma sono convinta che ci siano dei limiti che non debbano essere oltrepassati ed ho deciso di procedere anche in sede legale. Credo che sia giusto e doveroso denunciare chi usa termini di tale violenza contro le donne, oppure razzisti, sessisti, omofobi, perché è ora di porre un argine alla deriva a cui alle volte si assiste da parte di certi individui, dai social network fino alle azioni reali”, ha scritto poi la Trezzi pubblicando lo screenshot del commento.

facebook trezzi insulti cinisello

I messaggi di condanna e solidarietà sono arrivati a fiumi sul social. Il gruppo consiliare del Partito Democratico di Cinisello Balsamo ha mandato questa nota in serata: “Massima solidarietà e grande vicinanza per il gesto vile, becero e violento che è comparso sul suo profilo Facebook nella giornata del 19 maggio. Siamo convinti che a certi soggetti e a certe ideologie razziste, sessiste, xenofobe e discriminatorie vada messo un freno e si debba rispondere con fermezza e in maniera collettiva. E’ importante arginare una deriva pericolosa che sta prendendo piede in certi ambienti saturi di ignoranza e, per questo, è necessario far sentire forte la voce di tutte quelle persone che credono nei valori di una cultura che rispetta le differenze e accoglie l’altro senza pregiudizio, bensì come occasione di crescita. Questi gesti vanno stigmatizzati e isolati. Cinisello Balsamo, città storicamente accogliente, l’Italia e l’Europa tutta sono molto di più e non lasceranno passare intolleranti e violenti”.

 

ARTICOLI CORRELATI