Mar. 05 Mar. 2024
HomeCinisello BalsamoLadri nella sede Legambiente: rubati trattorino, biciclette e decespugliatori

Ladri nella sede Legambiente: rubati trattorino, biciclette e decespugliatori

[textmarker color=”E63631″]CINISELLO BALSAMO[/textmarker] – I ladri hanno colpito la sede di Legambiente di Cinisello Balsamo, il Centro di Educazione Ambientale del Parco del Grugnotorto in via Cilea. La notizia è stata diffusa dai vertici dell’associazione: “Abbiamo trovato recisa la recinzione sul retro del Centro di Educazione Ambientale in via Cilea angolo via Giolitti e scassinati i lucchetti del deposito dove tenevamo tutte le attrezzature per la manutenzione del Parco Grugnotorto Villoresi. Probabilmente stanotte, dei delinquenti sono entrati e ci hanno rubato il trattorino, la trancia Bcs, un tagliaerba professionale, due decespugliatori (di cui uno appena acquistato), due biciclette che usavano i volontari e altro materiale per la cura del verde”.

“Praticamente si tratta di tutta l’attrezzatura che il Circolo utilizzava per tenere in ordine le aree verdi che ci hanno assegnato nel parco. Si tratta di un danno del valore stimato di oltre 10.000 euro. E questo dopo che pochi anni fa avevamo subito un altro grosso furto (la tensostruttura bianca che era ubicata nel Parco in prossimità della vecchia casetta di legno). Anche in quel caso la somma stimata del danno era di circa 8-9.000 euro. Con pazienza avevamo raccolto in questi anni meno della metà della somma attraverso donazioni, pranzi ed iniziative specifiche di raccolta fondi, tanto da farci mettere in cantiere il suo ripristino l’estate prossima anche attraverso altri fondi ricevuti attraverso progetti che partono quest’anno”, raccontano ancora i volontari di Legambiente.

“Ora siamo ancora a terra e veramente sconfortati. Tra l’altro se con il furto della tensostruttura abbiamo potuto supplire in qualche modo, senza gli attrezzi agricoli non possiamo resistere molto, l’erba cresce e la manutenzione non può essere troppo rimandata. Non sappiamo ancora come affrontare questo secondo grave furto e nei prossimi giorni cercheremo di capire come far fronte. Contiamo fin da subito comunque sulla vostra comprensione e solidarietà”.

ARTICOLI CORRELATI