Ven. 26 Nov. 2021
HomePoliticaSesto, anche Cascina Gatti senza medico di base. "Fallimento del sindaco"

Sesto, anche Cascina Gatti senza medico di base. “Fallimento del sindaco”

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] – Anche Cascina Gatti resta senza un presidio medico. Dopo la Pelucca un altro rione di periferia di Sesto San Giovanni rimane senza un medico di base che offra servizio ai cittadini. E così scoppiano le polemiche.

“Dopo la chiusura di Inps e Agenzia delle Entrate, ora chiude anche il presidio sanitario a Cascina Gatti. Di Stefano: per la Chittò siamo la periferia di Milano”, dice Roberto Di Stefano, candidato sindaco del centro destra, portavoce di Forza Italia, sostenuto da Lega e Fratelli d’Italia. “Il fallimento della sinistra a Sesto è sempre più evidente. Dopo le chiusure delle sedi Inps e Agenzia delle Entrate, dopo la mancanza di un medico di base al quartiere Pelucca ora chiude anche il presidio sanitario di Cascina Gatti. Se altri Comuni del Nord Milano, come Cologno e Cinisello, hanno offerto sedi alternative agli enti pubblici pur di farli rimanere sul territorio senza esborsi, Sesto non è riuscita nell’intento di far valere la propria autonomia ed ha aperto due miseri sportelli, aperti due pomeriggi alla settimana, dove si può fare poco o niente. Per tutte le pratiche importanti si deve andare a Milano. Il sindaco non può limitarsi a dire che è colpa dei tagli, dei mancati introiti dallo Stato, della Regione”.

Di Stefano rincara la dose: “Non basta dire ‘non dipende da me’. Troppo comodo e troppo facile. La realtà è che questa amministrazione non ha nemmeno più un potere politico di contrattazione e non ha voglia di fare. Ormai questa amministrazione vuole relegare Sesto alla periferia milanese, un luogo senza interesse neppure per chi ci amministra”.

ARTICOLI CORRELATI