Mar. 25 Gen. 2022
HomeCinisello BalsamoTrafficavano oltre 120mila euro di droga al mese. Sgominata la banda di...

Trafficavano oltre 120mila euro di droga al mese. Sgominata la banda di marocchini ed egiziani

[textmarker color=”E63631″]NORDMILANO[/textmarker] – Avevano organizzato una rete di spaccio di cocaina e hascisc che fruttava fino a 120mila euro al mese i sette malviventi arrestati mercoledì tra la Brianza e il milanese in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Monza, a seguito di un’indagine svolta dai carabinieri di Seregno (Monza) e coordinata dal Pm Salvatore Bellomo.

L’inchiesta, partita nell’estate 2015 dopo la morte per overdose di un trentenne monzese a Seregno, ha visto i militari impegnati nella ricostruzione di una rete di spacciatori operante nei comuni di Monza, Seregno, Meda e Seveso, in quelli milanesi di Cinisello Balsamo, Sesto San Giovanni e nel magentino.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, la rete aveva compiti diversi a seconda della nazionalità; a rifornire i pusher di piccolo livello e tutti di nazionalità egiziana era un gruppo di marocchini tra cui uno in particolare ritenuto dagli inquirenti il vero e proprio fornitore di punta. Tra gli arrestati anche una trentenne romena, compagna di uno degli appartenenti al gruppo. Le “piazze” erano in grado di muovere, a quanto si apprende, circa un chilogrammo di cocaina e cinque di hashish al mese, con introiti da migliaia di euro. Gli spacciatori erano soliti comunicare chiamando cocaina e hashish “datteri” e “ghiande”, così come “maschio e femmina” o “schiaffo e sberla”.

Nei sei mesi di indagine che ha portato stanotte all’arresto di sette stranieri accusati di detenzione e traffico di hashish e cocaina a Monza, i carabinieri hanno identificato oltre cento clienti, per lo più italiani, che sono stati segnalati alla prefettura come assuntori. Non solo tossicodipendenti, ma anche operai, imprenditori e professionisti vari. 

ARTICOLI CORRELATI