Dom. 14 Lug. 2024
HomeAttualitàScuole a rischio crollo: ecco i lavori che restano da fare

Scuole a rischio crollo: ecco i lavori che restano da fare

[textmarker color=”E63631″]CINISELLO BALSAMO[/textmarker] – Operai al lavoro nelle scuole di Cinisello Balsamo, con relativi disagi. Sono già stati effettuati interventi presso le primarie Parco dei Fiori, Zandonai, Monte Ortigara, Buscaglia, Villa, Garibaldi e le scuole dell’infanzia Petrarca e Rinascita, mentre restano ancora da sistemare i nidi Raggio di Sole, Girasole, La Nave e Garcia Villas, le materne Sardegna, Collodi, Giolitti, Giovanni XXIII (1 e 2) e Marconi,  la primaria Bauer e la secondaria di primo grado Morandi, l’ex Giuliani di via Cadorna.

L’elenco è stato pubblicato e diffuso dagli uffici comunali: un documento che in qualche modo risponde alle proteste dei genitori, soprattutto a quelli degli asili Papa Giovanni XXIII, che lunedì mattina si sono ritrovati aule e parti comuni sbarrate, senza preavviso, e gli operai al lavoro.

“Durante i mesi estivi si sono svolti importanti lavori di manutenzione straordinaria, eliminazione delle barriere architettoniche e messa in sicurezza degli edifici scolastici cittadini. In occasione dei lavori di manutenzione, in 27 edifici scolastici cittadini sono stati eseguiti anche i controlli termografici per verificare la tenuta dei controsoffitti. In questi giorni sono pervenuti i risultati delle analisi eseguite che hanno evidenziato alcune criticità. In alcune situazioni l’amministrazione comunale è subito intervenuta in via preventiva, per evitare eventuali situazioni di pericolo, a tutela dell’incolumità di studenti, insegnanti e tutto il personale scolastico”. Recita così la nota ufficiale, pubblicata sul sito comunale, che in pratica riprende quanto già detto dall’assessore Ruffa.

“Circa il 30% delle situazioni critiche è già stato sistemato e sono state rimosse le parti di soffitto segnalate come pericolose per il distacco di intonaci e pignatte. Mentre in altre scuole i lavori sono tuttora in corso”, si chiude il comunicato.

 

ARTICOLI CORRELATI