Gio. 26 Mag. 2022
HomeCronacaCusano, arriva il primo no ai profughi. E' del comitato genitori del...

Cusano, arriva il primo no ai profughi. E’ del comitato genitori del Cdd

[textmarker color=”E63631″]CUSANO MILANINO[/textmarker] – Le proteste sono tante e si moltiplicano di ora in ora. La Città Giardino non vuole sentire parlare di un centro profughi sul territorio. Ma la critica più temuta è quella che arriva dal Comitati dei Parenti e Utenti del Centro Diurno Disabili di Cusano, dove il nuovo centro profughi dovrebbe sorge.

A metterla nero su bianco è stato uno dei rappresentanti: Roberto Maria Bacci, già noto per le sue battaglie politiche sui temi della disabilità. Ha scritto ai sindaci una lettera che definisce “assurda e demenziale” l’ipotesi di alloggiare i migranti accanto ai disabili, nel Cdd di via Azalee.

Ecco il testo:

“Leggo l’articolo qui di seguito http://www.ilgiorno.it/…/cusano-profughi-centro-disabili-1.… pubblicato su “Il Giorno” del 9 agosto 2016 e che riporta l’intendimento dei sindaci dei Comuni dell’ambito di Cinisello Balsamo: Bresso, Cinisello Balsamo, Cusano Milanino e Cormano, di destinare la palazzina inutilizzata da anni nel Centro di via Azalee 14 a Cusano Milanino, all’accoglienza di 30/40 profughi.

Personalmente ritengo una ipotetica scelta del genere assurda e demenziale e voglio dare per scontato che prima di qualunque eventuale iniziativa sia convocata una assemblea generale di tutti i familiari delle 90 persone con disabilità che frequentano i tre CDD del Centro di Cusano Milanino, non solo per informare sulla eventuale intenzione di accogliere 30/40 profughi nella palazzina non utilizzata del Centro, ma, soprattutto, per raccogliere il favore dei familiari.
Già solo il fatto che quella palazzina, che per anni è rimasta inutilizzata e non resa fruibile con ogni sorta di scusa/giustificazione per le 90 persone con disabilità dei 3 CDD del Centro, possa da un giorno all’altro rendersi disponibile all’accoglienza di 30/40 profughi è grave in sé. Poi, se già non bastasse il congestionamento della struttura principale per la destinazione di spazi importanti a uso uffici dell’Azienda Speciale Consortile “Insieme per il Sociale” e un via vai di persone esterne al Centro e a scapito dei bisogni delle 90 persone con disabilità dei tre CDD del Centro, non vorrei che per insensibilità e/o ignoranza si rischi di congestionare ulteriormente un ambiente già precario per i suoi limiti strutturali e fragile per le persone che lo frequentano.
Tutto l’aiuto possibile ai profughi e nel territorio dell’ambito di Cinisello Balsamo sono sicuramente reperibili spazi adeguati per loro e per una efficace inclusione, ma l’ipotetica scelta della palazzina del Centro di via Azalee 14 a Cusano Milanino è a mio avviso sbagliata e evidenzia cattiveria politica.

Roberto Maria BACCI – componente del Comitato Genitori e Parenti dei CDD dei Centri Di Cinisello Balsamo e Cusano Milanino”.

ARTICOLI CORRELATI