Mer. 21 Feb. 2024
HomeCronacaSistema Sesto: archiviate tutte le accuse per Penati e gli altri indagati

Sistema Sesto: archiviate tutte le accuse per Penati e gli altri indagati

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] – La Procura di Monza ha ottenuto l’archiviazione per tutte le accuse contenute nel fascicolo sul cosiddetto Sistema Sesto, il caso che sconvolse la città, e non solo, che si aprì nel 2011 e ha visto come principale indagato l’ex sindaco di Sesto San Giovanni e presidente della Provincia Filippo Penati. Penati così ha ottenuto una duplice vittoria: da un lato l’assoluzione in Tribunale, dall’altro l’archiviazione delle ipotesi di reato. “Oltre all’assoluzione da parte del Tribunale, cadono tutte le ipotesi di reato. Finalmente chiusa anche la vicenda Serravalle”, il primo commento dello stesso Penati che in pratica ha diffuso la notizia.

Penati ha aggiunto: “”Finalmente. Ora la stessa Procura ammette che le accuse di corruzione e finanziamento illecito al partito erano infondate in quanto non ha trovato riscontri. Con questa archiviazione si mette anche la parola fine alle accuse sulla vicenda della compravendita delle azioni Serravalle, iniziata 11 anni fa e già arrivata ad assoluzione da parte della Corte dei Conti”, aggiungendo che “il processo a mio carico non si doveva fare perché basato solo su dichiarazioni senza una prova” e che valuterà se procedere contro Piero Di Caterina, il suo accusatore.

Erano 39 i nomi degli indagati contenuti nel fascicolo sul Sistema Sesto. I Pm di Monza, Walter Mapelli e Franca Macchia, hanno scritto che l’archiviazione delle ipotesi di reato è stata chiesta per “per infondatezza della notizia di reato e per insufficienza degli elementi raccolti a sostenere l’accusa in giudizio”.

Tra quei nomi anche quelli dell’ex assessore all’Edilizia della Giunta Oldrini Pasqualino Di Leva, della funzionaria comunale Nicoletta Sostaro e dell’architetto Marco Magni: andati a processo, per loro la vicenda si era chiusa con un patteggiamento. Altri dettagli, e altri nomi, in questo pezzo pubblicato dal quotidiano Il Giorno: cliccate qui per leggere.

ARTICOLI CORRELATI