Ven. 28 Gen. 2022
HomeBressoBresso pronta ad aprire ai voli commerciali. Le proteste del sindaco

Bresso pronta ad aprire ai voli commerciali. Le proteste del sindaco

[textmarker color=”E63631″]BRESSO[/textmarker] – Un futuro commerciale per l’aeroporto di Bresso?  Sembrerebbe di sì, visti gli ultimi provvedimenti di Enac, l’ente che si occupa di regolamentare gli scali in Italia. Con un nuovo Regolamento di Scalo, che dovrebbe essere applicato dal primo luglio, l’aeroporto di Bresso potrà far atterrare e decollare anche i velivoli commerciali, soprattutto sarà aperto al traffico degli Aero-taxi e dei voli privati business con una lunghezza fino a 12 metri.

Il regolamento individua anche un nuovo operatore che si aggiunge all’Aeroclub Milano, per anni gestore dello scalo: la Sky Service, società napoletana che si occupa di servizi aeroportuali e che viene incaricata da Enac di controllare le operazioni dei voli commerciali. Sky Service aveva vinto una gara d’appalto lo sci anno per gestire l’officina e gli uffici, ma fino ad ora non aveva cominciato la sua operatività.

Non sono ancora chiari i contorni di questo provvedimento che rappresenta un vero colpo di scena nell’annosa vicenda dell’aeroporto di Bresso, sul quale già pendono cause e sospetti. A Bresso non si è mai chiuso un conflitto anche legale tra Aeroclub Milano e Aeroclub Bresso, nato da pochi anni. Inoltre, lo scorso anno, proprio mentre Enac sembrava prepararsi a dare il via all’attività commerciale in occasione di Expo, l’aeroporto venne chiuso per 6 mesi dal Prefetto per motivi di sicurezza. Nel marzo di quest’anno il prefetto Alessandro Marangoni ha messo un decreto nel quale stilava nuove norme di sicurezza.

A quanto riferisce domenica mattina il quotidiano Il Giorno, il sindaco Ugo Vecchiarelli si sarebbe già mosso: ha già informato i colleghi e incontrato il Prefetto di Milano. Soprattutto contesta il fatto che il regolamento, se applicato, violerebbe il Protocollo d’Intesa che i Comuni del Nordmilano avevano firmato nel 2007 con Provincia di Milano, Enac e Ministero dei Trasporti che impediva uno sviluppo commerciale del campovolo di Bresso.

Il rischio è che si torni ai presidi e ai picchetti da parte della popolazione contro questo aeroporto che è stato sempre sopportato, ma mai gradito dai cittadini, perché troppo vicino alle case.

ARTICOLI CORRELATI