Lun. 20 Mag. 2024
HomeCinisello BalsamoDroga, il Nordmilano al centro dei nuovi traffici albanesi

Droga, il Nordmilano al centro dei nuovi traffici albanesi

[textmarker color=”E63631″]NORDMILANO [/textmarker] – Promettevano prezzi più convenienti, a parità di purezza della droga. Così i trafficanti di droga albanesi si sono fatti strada nel Nodmilano diventando i protagonisti dello smercio di droga proveniente dai Paesi Bassi. È questo l’elemento innovativo che emerge nella maxi operazione antidroga eseguita stamani dalla polizia e che mercoledì ha portato in carcere 27 persone, molte delle quali a Cinisello e Paderno Dugnano. Le persone coinvolte sono sia albanesi sia italiane.

Uno dei luoghi simbolo del nuovo spaccio è Sant’Eusebio a Cinisello, che è tornato ad essere centrale di spaccio, ma anche di smercio in grandi quantità.

A Cinisello Balsamo, già nel 2014 erano stati arrestati C. B. di 57 anni, A. M. di 35 e M. P. di 23: a loro la polizia aveva sequestrato 150 grammi di cocaina. Il 3 giugno a Brugherio e a Paderno Dugnano il 64enne A. G. A e il 29enne M. P. D. P finiscono in carcere per 1 chilo di cocaina e 700 grammi di marijuana. Ancora ieri, Cinisello è stato al centro delle operazioni delle polizia.

La droga arrivava in Italia con i camion. I camionisti si prestavano ad unire carico lecito con carico illecito “ottimizzando” il loro viaggio verso Milano. Alla frontiera di Ponte Chiasso, ad esempio, in passato è stata sequestrata una partita di cocaina di 7,5kg, a bordo di un tir assieme a mobili ed elementi di arredo regolarmente trasportati. La qualità della cocaina “albanese” (80% di purezza) risulta in media molto più alta di quella proposta da spacciatori italiani, ad esempio dai calabresi che riescono a raggiungerla solo alzando di molto il prezzo rispetto ai 40mila euro al kg dei concorrenti.

foto simbolica

 

ARTICOLI CORRELATI