Sab. 01 Ott. 2022
HomeBressoArrestato a Bresso il ladro di Smart. Vendeva sul web i pezzi...

Arrestato a Bresso il ladro di Smart. Vendeva sul web i pezzi rubati

[textmarker color=”E63631″]BRESSO[/textmarker] – Dagli inizi di marzo a Bresso si sono verificati diversi furti su auto che avevano la particolarità di essere consumati sullo stesso modello, ossia la Smart. Gli obiettivi sono stati scelti fra le auto parcheggiate sulla pubblica via e i ladri hanno asportato in due casi gli pneumatici, in un caso i sedili e il volante, in un altro caso i paraurti, in un altro ancora l’autoradio ed infine in altre due circostanze solo i documenti di circolazione.

È così che i Carabinieri di Bresso hanno avviato mirate indagini per scoprire chi fosse l’autore di questi furti seriali oltre ad intensificare i servizi di prevenzione per arginare il fenomeno.

La scorsa notte, nell’ambito delle attività avviate dalla Stazione Carabinieri, vigilando il territorio una pattuglia ha sorpreso un giovane a bordo di una Smart Fortwo parcheggiata in via Papa Giovanni. Avvicinandosi i militari hanno notato che la portiera dell’auto era stata forzata e lo hanno bloccato mentre stava tentando di forzare l’avviamento dopo aver divelto la plancia sotto il volante. Per lui sono quindi scattate le manette con l’accusa di tentato furto aggravato ma non basta. Nel corso della successiva perquisizione domiciliare, i militari hanno rinvenuto presso la sua abitazione altra refurtiva riconducibile ad analoghi furti. In particolare, nel garage della sua abitazione di Milano, erano presenti 4 pneumatici, due paraurti, un volante e un cassettino portaoggetti.

Così, davanti all’evidenza, il ragazzo, pregiudicato 23enne di origini calabresi, ha confessato ai Carabinieri di essere stato lui l’autore degli altri furti. I successivi accertamenti, hanno consentito poi di scoprire che l’uomo, dopo aver sistematicamente ripulito e tirato a lucido la refurtiva all’interno del proprio garage, fotografava i pezzi per rivenderli sul sito web Subito.it ad ignari acquirenti.

ARTICOLI CORRELATI