Mer. 19 Gen. 2022
HomeBressoProstituzione, nuovi arresti nella guerra tra romeni e albanesi a Cinisello

Prostituzione, nuovi arresti nella guerra tra romeni e albanesi a Cinisello

[textmarker color=”E63631″]CINISELLO BALSAMO[/textmarker] – Duplice tentato omicidio: questa la pesante accusa mossa dagli investigatori della Squadra Mobile di Milano nei confronti di un 21enne di origine albanese accusato di aver ferito con quattro colpi di pistola due romeni 28enni nella notte tra il 10 e l’11 giugno dell’anno scorso a Cinisello Balsamo, nell’hinterland milanese. Gli investigatori della Squadra Mobile meneghina hanno chiarito che il ferimento era avvenuto nell’ambito di uno scontro tra due bande, una composta da romeni e l’altra da albanesi, per il controllo del fiorente mercato del sesso lungo viale Fulvio Testi tra Cinisello, Sesto San Giovanni e Monza.

L’uomo è finito in carcere in forza di un’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip di Monza Pierangela Renda. I due romeni I. C. e G. H., erano stati feriti alle gambe e al torace (in modo non grave) nella sera tra il 10 e l’11 giugno del 2014 mentre erano fermi davanti a un chiosco notturno, lungo il viale. Alla polizia avevano detto di non sapere il motivo della sparatoria, ma dopo le cure in ospedale erano tornati a gestire il racket della prostituzione e per questo erano stati arrestati lo scorso 25 marzo: in cella avrebbero rivelato che ad aggredirli nel 2014 era stato l’albanese arrestato l’altra mattina a Cinisello Balsamo. Nel corso delle indagini, gli agenti della Seconda sezione della Mobile avevano smantellato con diversi altri arresti le due bande di sfruttatori.

Una indagine che dimostra quanto sia pesante l’infiltrazione della criminalità nel mondo della prostituzione che continua a proliferare nel Nord Milano con particolare pressione su Sesto San Giovanni e Cinisello.

ARTICOLI CORRELATI