Lun. 04 Mar. 2024
HomeAttualitàMaterna di via Leopardi: il sindaco Chittò: “Nessun danno strutturale”

Materna di via Leopardi: il sindaco Chittò: “Nessun danno strutturale”

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] – Nessun danno strutturale, bensì un episodio imprevedibile, probabilmente dovuto allo sbalzo termico. Il sindaco di Sesto San Giovanni, Monica Chittò vuole rassicurare i genitori e più in generale tutti i sestesi sull’episodio accaduto questa mattina alla scuola materna Vittorino Da Feltre di via Leopardi.

“Secondo una prima analisi compiuta dai Vigili del Fuoco, il distacco dell’intonaco sarebbe un episodio imprevedibile e non prevenibile, probabilmente dovuto ad uno sbalzo termico – spiega una nota del comune -. Nessun danno strutturale, dunque, né problemi di manutenzione, ma un evento che può accadere in qualsiasi edificio, pubblico o privato che sia”.

Guarda il video: Crollo alla materna, la spiegazione dei vigili del fuoco

“Le prime analisi della situazione – prosegue il sindaco Monica Chittò – sono tranquillizzanti rispetto allo stato dell’edificio. Ma per poter garantire la massima serenità ho deciso di chiudere la struttura sia oggi sia domani per permettere ai nostri tecnici di effettuare un’analisi più approfondita ed escludere al di là di ogni dubbio qualsiasi problema”.

L’analisi dei tecnici inizierà già da questo pomeriggio e, se le relazioni saranno positive, fin da lunedì sarà possibile riaprire la struttura di via Leopardi.

I bambini sono stati fatti evacuare e, per i genitori e i parenti che non sono potuti intervenire, c’è stata la calda accoglienza dell’istituto De Nicola che ha messo a disposizione spazi e predisposto un pasto caldo.

“Ringrazio di cuore – conclude il sindaco – tutti coloro che hanno garantito una gestione serena ed efficiente di questa emergenza: dai Vigili del Fuoco alla Polizia Locale, dai lavoratori della scuola al dirigente scolastico Rovetta ai tecnici comunali tutti hanno compiuto il loro dovere in maniera esemplare. Un ringraziamento anche al dirigente dell’Istituto de Nicola per l’ospitalità”.

ARTICOLI CORRELATI