Mar. 16 Apr. 2024
HomeEconomiaIl Comune prepara una nuova area produttiva, per un progetto ancora segreto

Il Comune prepara una nuova area produttiva, per un progetto ancora segreto

[textmarker color=”E63631″]PADERNO DUGNANO[/textmarker] – Sono iniziate le procedure per rendere possibile un nuovo insediamento produttivo in un’area oggi libera del Villaggio Ambrosiano. I documenti sono pubblicati sul sito del Comune. Sorgerebbe in un’area “abbandonata e inutilizzata”, come si legge nel rapporto preliminare, tra via Reali e via Marzabotto. Un terreno da anni destinato all’attività produttiva: “L’intervento proposto – si legge sempre nel documento – porterebbe al completamento dell’area”, andando a colmare “un vuoto urbano”.

Il Comune ha iniziato a redigere il rapporto preliminare relativo al piano attuativo in questione. Si tratta di una verifica alla non assoggettabilità alla Valutazione Ambientale Strategica (Vas). Le conclusioni però sono state che questa non è necessaria, dato che l’area “non presenta particolari elementi di qualità ambientale e recettori antropici sensibili”.

I cittadini ora avranno tempo fino al 29 gennaio per presentare osservazioni e suggerimenti in merito a una possibile Vas. Il progetto specifico non è ancora noto, perché non è stato ancora presentato. L’area ha una superficie di oltre 12mila metri quadrati e sorge a ridosso della Rho-Monza, tra via Villoresi e l’azienda Metalli Preziosi. Le case distano circa 180 metri.

Nonostante le valutazioni preliminari, l’attenzione dei cittadini a questo nuovo insediamento potrebbe essere comunque molto alta, in particolare dopo il precedente caso delle emissioni di odori dalla Leganti Naturali, azienda del Villaggio Ambrosiano, che ha visto i cittadini preoccupati per mesi.

DESCRIZIONE DELL’INTERVENTO:

“La proposta progettuale prevede la realizzazione di un nuovo edificio industriale costituito da un volume definito e regolare con all’interno un corpo ad uffici a servizio della produzione per un totale di circa 9,328,60 metri quadrati di superficie lorda di pavimento, su più livelli, ed un’altezza all’estradosso di 15 metri”. (dal rapporto preliminare)

CONSIDERAZIONI CONLCUSIVE

“Si propone, pertanto, l’esclusione del Piano Attuativo AT3/S2 dalla procedura di Valutazione Ambientale Strategica mancando i presupposti necessari di cui alla normativa vigente” (dalla relazione preliminare)

ARTICOLI CORRELATI