Mer. 08 Feb. 2023
HomeAttualitàL'accoglienza della Crocetta al cardinale Angelo Scola

L’accoglienza della Crocetta al cardinale Angelo Scola

[textmarker color=”E63631″]CINISELLO BALSAMO[/textmarker] – Prima la visita al rione, la Crocetta. Con una tappa anche alla scuola Anna Frank, nel cuore del quartiere, là dove oltre uno studente su due è straniero. Poi di corsa verso la chiesa di San Pietro Martire, la porta della Crocetta, per la santa messa. Con il sagrato vestito a festa e qualche migliaio di persone, fedeli e curiosi, ad attenderlo.

Il cardinal Angelo Scola, arcivescovo di Milano, ha ricambiato: nell’omelia e nelle sue parole ha tributato più volte un ringraziamento e un insegnamento alla Crocetta così come a tutta la città di Cinisello Balsamo. Lì, dal cuore del quartiere multirazziale per eccellenza, dove l’integrazione è un esercizio quotidiano fatto di problemi concreti, fatiche ma anche gioie.

Il coro degli adulti, formato dalla fusione dei cori parrocchiali delle sette chiese cinisellesi, ha intonato canti in inglese, spagnolo; non solo in italiano. Per sottolineare proprio l’anima multiculturale della Crocetta, scelta dal decanato come tappa per la visita pastorale dell’Arcivescovo meneghino invece della “solita” parrocchia del centro città. Anche Scola ha voluto sottolineare più volte questo aspetto di accoglienza verso i diversi, verso l’altro: “Voi vivete in una città che è andata crescendo molto negli ultimi anni, con ritmi molto forti. Oggi state assistendo a una seconda ondata migratoria, come molte altre metropoli europee”.

Un insegnamento il cardinale lo ha preso direttamente dalla liturgia del giorno, quella della Festa di Cristo Re, ultima domenica dell’anno pastorale, prima dell’inizio dell’avvento. “La liturgia ci aiuta a capire il cambiamento in atto: il potere del re è quello di dare testimonianza alla verità, cioè al disegno di amore che Dio ha per ognuno di noi. Il senso di responsabilità a cui siamo chiamati ce lo suggerisce San Paolo. Bisogna camminare insieme per crescere nella conoscenza del Signore. E voi, come decanato, lo state facendo”.

 

ARTICOLI CORRELATI