Mar. 05 Lug. 2022
HomeCinisello BalsamoOdori e infiltrazioni: per l'Asl il cimitero sarebbe da chiudere

Odori e infiltrazioni: per l’Asl il cimitero sarebbe da chiudere

[textmarker color=”E63631″]CINISELLO BALSAMO[/textmarker] – Odori e infilatrazioni al cimitero di piazza Cipressi. Dopo l’interrogazione consigliare del 7 ottobre, nei giorni scorsi una lettera dell’Asl è arrivata confermare i motivi delle proteste dei consiglieri comunali Giuseppe Berlino e Giacomo Ghilardi, che avevano segnalato il degrado di una parte dei colombari e degli ossari del cimitero cittadino.

Il documento è datato 30 ottobre e invita il Comune a chiudere alcune delle strutture in attesa di compiere lavori di ripristino dei tetti dai quali l’acqua piovana si infiltra nei colombari, provocando gravi problemi di umidità, sui muri, perdite e odori nauseabondi causati dal mescolarsi dell’acqua con i liquidi biologici delle salme.

Dopo l’allarme sollevato da diversi mesi dai consiglieri comunali della lista civica La Tua Città e della Lega Nord, il Comune ha eseguito nell’ultima settimana una serie di lavori di ripristino. L’assessore ai Servizi Cimiteriali Partrizia Bartolomeo ha confermato al quotidiano Il Giorno che sono state eseguite opere di sanificazione, di imbiancatura dei corridoi più malandati e di rifacimento dei tetti. Ma secondo i consiglieri comunali che hanno denunciato il degrado del cimitero, si tratta solo “di opere di facciata”.

“l’Asl ha confermato quello che noi avevamo denunciato e ribadito ancora una volta martedi in Consiglio Comunale – afferma Giacomo Ghilardi, consigliere della Lega Nord – Sono rimasto basito dalle parole pronunciate martedi in Consiglio dall’assessore ai servizi cimiteriali. Continuare a negare la presenza di problemi non fa altro che aumentarli e ingrossarli e le decisioni prese in modo errato possono avere gravi ripercussioni sulla salute delle persone”.

Il nuovo scontro politico viene proprio nei giorni dei Defunti, uando il cimitero è frequentato da migliaia di persone che visitano i propri cari.

Di seguito riportiamo la lettera dell’Asl:

 

 

ARTICOLI CORRELATI