Mar. 05 Mar. 2024
HomeAttualitàIncendio di via Risorgimento, l'impegno di Cagliani: “Nessuno è rimasto solo”

Incendio di via Risorgimento, l’impegno di Cagliani: “Nessuno è rimasto solo”

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] – “Nessuno è mai stato abbandonato, nessuno è mai rimasto solo”. Dopo circa 20 giorni dal terribile incendio della notte tra il 6 e il 7 settembre, che ha coinvolto un palazzo di via Risorgimento a Sesto, nel quale sono state sfollate diverse persone, l’amministrazione prova a fare il punto della situazione.

Il coordinamento è stato preso in mano dal vicesindaco Felice Cagliani e ha coinvolto principalmente gli inquilini dei tre appartamenti del terzo piano dello stabile, quello più colpito dalle fiamme. La famiglia con figli è stata accompagnata alla Pelucca, la giovane donna ha ripiegato sull’ospitalità di amici, mentre l’altra donna è stata accolta in Casa albergo.

Per la famiglia è stata messa a disposizione una psicologa e dal Comune hanno preso contatti con la banca per sospendere le rate del mutuo della famiglia e permettere loro di pensare a un’abitazione in affitto.

“Abbiamo gestito l’emergenza – commenta il vicesindaco Cagliani – mettendo a disposizione risorse importanti senza fare i burocrati. Adesso, con il rientro nell’appartamento anche della donna ospitata nella casa albergo, stiamo attendendo la decisione della banca per la famiglia con minori. In ogni caso avevamo contattato la Pelucca, che voglio ringraziare per lo spirito di servizio e l’aiuto fondamentale che ha fornito, ottenendo di prorogare la permanenza della famiglia nell’alloggio fino a quando non si fosse trovata una soluzione”.

Da qualche giorno però, la famiglia ha lasciato l’alloggio senza informare il comune.

“In ogni caso – conclude Cagliani -, noi continuiamo a mantenere contatti con la banca per la sospensione del mutuo, che è la cosa più urgente. Quello che non possiamo proprio permetterci è di provvedere direttamente noi a un alloggio: faremmo un torto a chi aspetta una casa e non ha i mezzi economici per gestirsi da solo”.

(Foto dal nostro archivio a cura di Jacopo Altobelli)

ARTICOLI CORRELATI