Ven. 03 Dic. 2021
HomeAttualitàSesto San Giovanni, presto un'area skyfitness al parco 9 Novembre

Sesto San Giovanni, presto un’area skyfitness al parco 9 Novembre

Il Comune di Sesto San Giovanni si aggiudica il bando regionale “Sport Outdoor 2021”: a essere premiato è stato il progetto per la realizzazione di un’area skyfitness inclusiva all’interno del parco 9 Novembre di viale Gramsci, selezionato tra i migliori 57 di tutta la Lombardia e primo per quanto riguarda l’area metropolitana di Milano. Un progetto dal valore complessivo di 57mila euro, di cui 40mila euro finanziati da Regione Lombardia e la parte restante dell’Amministrazione comunale.

Area skyfitness con dieci attrezzature

All’interno della nuova area di oltre 300mq sono previste dieci diverse attrezzature e un ampio spazio per eseguire esercizi a corpo libero, dove si potranno allenare pettorali, dorsali, addominali, bicipiti, tricipiti e quadricipiti, ma anche gambe, braccia, cosce, glutei, polpacci, spalle, grazie alla presenza di high pulley, bench press, hydraulic triceps, chin-up and dip small, tai chi wheels, hand bike, seduta con cyclette con postazione per ricarica usb, outdoor kickbox, bici ellittica e stepper. Una vera e propria palestra a cielo aperto dove chiunque potrà trovare l’attrezzo più adeguato al tipo di allenamento prescelto e dedicarsi così una seduta di fitness con i benefici dell’aria aperta.

Spazio accessibile anche a chi ha disabilità

Un modo alternativo di concepire l’allenamento, anche in considerazione del particolare periodo storico dove l’emergenza sanitaria non è ancora archiviata: “Abbiamo pensato a un’area skyfitness all’aperto, accessibile anche a persone con disabilità, perché riteniamo che, specialmente dopo oltre un anno e mezzo di pandemia, un luogo dove praticare attività sportiva all’aria aperta sia fondamentale” – ha commentato il sindaco Roberto Di Stefano. Soddisfatto anche l’assessore al Verde, Alessandra Magro: “Un importante risultato che premia il nostro grande lavoro – ha detto -. L’area sarà inclusiva e accessibili a tutti, anche alle persone che presentano disabilità, e siamo sicuri che diventerà un punto di riferimento per tanti sestesi”.

 

 

ARTICOLI CORRELATI