Sab. 27 Nov. 2021
HomeAttualitàSesto San Giovanni, rissa ai giardini Don Sturzo: 40 giovani coinvolti. Anche...

Sesto San Giovanni, rissa ai giardini Don Sturzo: 40 giovani coinvolti. Anche un positivo Covid

[textmarker color=”E63631″] SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] L’emergenza sanitaria non frena gli assembramenti, che ieri sono sfociati addirittura in una rissa di dimensioni importanti arrivando a coinvolgere una quarantina di persone nelle vicinanze dei giardini Don Luigi Sturzo di viale Matteotti.

A seguito delle segnalazioni dei residenti, poco dopo le 19.30, i militari dell’Arma sono intervenuti sul posto con otto autovetture provenienti dai vari Comandi Stazioni e Radiomobile, coadiuvati da un paio di equipaggi della Polizia Municipale di Sesto. Già all’arrivo dei militari a sirene spiegate il gruppo di giovani si è dato alla fuga lungo le vie limitrofe, provocando il panico dei cittadini che loro malgrado assistevano alla rissa.

Le attività di indagine e l’immediato fermo di quindici persone, tramite anche le ricostruzioni dei testimoni, ha permesso di individuare ed identificare parte dei responsabili. Due maggiorenni stranieri, originari dell’Egitto, sono stati arrestati mentre sette minorenni, italiani e stranieri, sono stati deferiti in stato di libertà.

Nel corso delle perquisizioni personali e sul luogo della rissa, addosso a uno dei minori è stata rinvenuta una chiave inglese e, abbandonate al suolo nel giardino, sono state recuperate catene in ferro e mazzi di chiave, verosimilmente utilizzati come tirapugni secondo le Forze dell’Ordine.

La maggior parte dei soggetti fermati coinvolti nella rissa, ha riportato delle lesioni superficiali cutanee, medicate dai sanitari del 118 intervenuti sul luogo della colluttazione. Nessuno di loro ha riportato ferite gravi da necessitare un ricovero ospedaliero.

Inoltre, durante le operazioni di identificazione, presso gli uffici della Compagnia di Sesto San Giovanni, i militari hanno appurato la positività al COVID-19 di uno dei minorenni coinvolti, per cui è scattata la denuncia in stato di libertà anche per la violazione alla quarantena obbligatoria, a cui era sottoposto da giorni in un comune della Provincia di Milano, dove è residente con i propri genitori, anch’essi denunciati alla Procura di Monza.

Gli arrestati sono stati posti ai domiciliari presso le proprie abitazioni, in attesa di direttissima. I coinvolti nella rissa sono residenti in vari comuni, tra cui Sesto San Giovanni, Segrate, Milano, Cinisello Balsamo.

ARTICOLI CORRELATI