Ven. 03 Feb. 2023
HomeAttualitàCinisello Balsamo, la politica ha detto sì al sottopasso di Viale Fulvio...

Cinisello Balsamo, la politica ha detto sì al sottopasso di Viale Fulvio Testi

[textmarker color=”E63631″] CINISELLO BALSAMO -[/textmarker] Un’importante opera sta per concretizzarsi e porterà benefici su tutto il territorio. E’stato infatti approvato in commissione al Senato il finanziamento per lo studio di fattibilità per interrare il viale Fulvio Testi, all’altezza di Cinisello Balsamo ed eliminare così l’ultimo semaforo che crea ingorghi, traffico e inquinamento.

Un’attesa di 30 anni

la senatrice Alessandra Riccardi

Dopo circa 30 anni dai primi progetti sembra questa l’intenzione della politica che ora pare metter a bilancio le risorse necessarie a realizzare la “desamaforizzazione” di questo tratto fondamentale dell’asse di collegamento tra Milano e la Valtellina. Venerdì la Commissione Infrastrutture del Senato ha approvato un emendamento del senatore Alessandra Riccardi, cinisellese, eletta nelle fila dei 5 Stelle, ma recentemente approvata alla Lega, che prevede lo stanziamento di un milione di euro necessario a finanziare lo studio di fattibilità del progetto.

“Fin dal mio insediamento – dichiara il sindaco Giacomo Ghilardi sulla sua pagina Facebook – mi sono battuto per far comprendere alle istituzioni nazionali, regionali e provinciali l’importanza di questa grande opera in un tratto stradale che collega 4 province lombarde con il capoluogo, Milano”.

“Oggi – aggiunge Ghilardi – festeggiamo un primo passo verso la realizzazione dell’opera con lo stanziamento di 1 milione di euro per lo studio di fattibilità tecnico-economica. Un’opera che si va ad aggiungere alla passarella a scavalco all’altezza del quartiere Crocetta”.

“Questo finanziamento – conclude il primo cittadino cinisellese – è un passo decisivo, che ci fa onore, perché ci permette di scrivere una pagina nuova per Cinisello Balsamo e, concretamente, portare numerosi vantaggi ai cittadini”.

Di fatto, s’intende trasformare l’attuale incrocio semaforico portando le strade su due livelli diversi. L’ipotesi più accreditat è quella di portare viale Fulvio Testi su un livello sotterraneo e di trasformare la viabilitù locale (via Ferri e via Partigiani) in un cavalcavia a raso, ma il progetto definitivo potrebbe contemplare altre soluzioni. L’obiettivo è mettere fine alle interminabili code che si verificano in direzione Milano.

Nei giorni scorsi Giacomo Ghilardi ha consegnato al presidente di Regione Lombardia, Fontana, un dossier completo che spiega l’importanza dell’opera. All’appello mancano circa 100 milioni di euro. Per raggiungere l’obiettivo della realizzazione di questa importante opera per il territorio, il passo decisivo, in questa fase, potrebbe essere, quello di inserirla nell’elenco delle opere da realizzare per le Olimpiadi.

ARTICOLI CORRELATI